Pagamento Imu: da dicembre si potrà usare il bollettino postale

Pagamento Imu con il bollettino postale per il saldo di dicembre. Precisazioni per il pagamento dell ’imposta per i non residenti

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Pagamento Imu con il bollettino postale per il saldo di dicembre. Precisazioni per il pagamento dell ’imposta per i non residenti
Pagamento Imu. Da dicembre scelta tra modello F24 Imu o bollettino postale

Pagamento Imu con il modello F24 Imu e non solo. Per il pagamento dell’imposta, si potrà usare infatti, ma  a partire dal prossimo 1° dicembre 2012, anche il bollettino postale.

 Modello F24 Imu

In merito al modulo F24 Imu, questo si è utilizzato per il pagamento della prima rata di giugno e si userà anche per il pagamento dell’Imu a settembre, sempre che i versamenti siano uno o due a scelta del contribuente. Fino a dicembre quindi l’unico metodo di pagamento ammissibile è il modello F24 Imu. Per completezza si veda nostro articolo F24 Imu: modello e compilazione guidata).

 Imu bollettino postale

 La conversione in legge del decreto fiscale, il DL 16/2012 ha stabilito che a partire dal saldo di dicembre., il pagamento Imu potrà avvenire con il tradizionale bollettino postale. Questo bollettino sarà però un metodo di pagamento mu alternativo all’uso del modello F24 Imu, solo a decorrere dal prossimo 1 dicembre 2012.

 Pagamento Imu per i non residenti

 Importante è ricordare le modalità di pagamento Imu da parte di cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato. Per questi soggetti non si prevede più la possibilità di versare l’Ici in un’unica soluzione entro la scadenza del mese di dicembre, applicando gli interessi nella misura del 3%. Questi soggetti ora sono obbligati al pagamento Imu, seguendo le regole ordinarie stabilite per tutti, fermo restando le modalità di versamento già usate per l’Ici, come il vaglia postale internazionale ordinario di versamento in conto corrente e il bonifico bancario. Sempre in relazione al pagamento Imu per i cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato si precisa anche che il pagamento in questione deve essere eseguito cumulativamente per tutti gli immobili posseduti in Italia, anche se ubicati sul territorio di più comuni, e deve essere disposto in euro, per un importo pari all’imposta dovuta.

 Pagamento Imu: le date da ricordare

 Sempre in relazione al pagamento Imu, è bene ricordare le date entro cui deve essere effettuato il versamento dell’imposta in questione, ossia:

–  la prima rata entro il 18 giugno, senza applicare sanzioni e interessi, in misura pari al 50% dell’importo ottenuto applicando le aliquote di base e la detrazioni previste;

–   la seconda rata entro il 17 dicembre, a saldo dell’imposta complessivamente dovuta per l’intero anno, con conguaglio sulla prima rata.

 

 Sempre in tema di pagamento Imu ti potrebbero interessare anche:

Codici Imu: l’elenco completo

Calcolo Imu: come si effettua

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tasse e Tributi