Pace fiscale si farà, dichiarazione integrativa per condono, le ultime novità

Pace fiscale, la manovra si farà e consiste in un condono con la dichiarazione integrativa, uno stralcio totale dei debiti.

di Angelina Tortora, pubblicato il
pace-fiscale

La pace fiscale sarà fatta, si articola come un vero e proprio condono, per tutti i debiti: fa emergere fino a un terzo del reddito dichiarato l’anno precedente, una rottamazione ter delle cartelle di Equitalia con pagamento dilazionato in cinque anni, sconti per chi rinuncia ai contenziosi tributari con il fisco e cancellazione di interessi e sanzioni per chi ha in corso un accertamento fiscale e paga la maggiore imposta.

Dichiarazione integrativa e pace fiscale, per sanare il nero

La Pace fiscale, tecnicamente, si configura in una “dichiarazione integrativa”, con la quale si potrà far emergere nei precedenti cinque anni un terzo di quanto dichiarato l’anno precedente e non oltre 100 mila euro, pagando solo un 20% di imposta.

Ad esempio, un contribuente che ha dichiarato, secondo lo studio del tributarista Gianluca Timpone, spiega sempre il quotidiano, che abbia dichiarato 30mila euro nel 2013 e integri il proprio reddito fino a 45mila euro il proprio reddito, sui 15mila che andrà ad inserire nella dichiarazione integrativa, pagherà soltanto 3mila euro di IRPEF, senza sanzione e interessi di mora.

Pace fiscale per tutti, con una rateizzazione in 5 anni, una sanatoria rafforzata, le novità

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: News Fisco, Rottamazione cartelle esattoriali