Pace fiscale include le persone con difficoltà (documentabile)?

Pace fiscale, prevede delle agevolazioni per le persone con difficoltà documentabile che non riescono a pagare le rate della rottamazione?

di Angelina Tortora, pubblicato il
Rottamazione e Pace Fiscale

Pace fiscale il quesito di una nostra lettrice:

Salve, le ho già inviato una mail nel mese di giugno alla quale lei ha dato riscontro. Penso che questa pace fiscale non vada ad includere chi ha presentato domanda per rottamazione cartelle. Nel mio caso, dovrei pagare circa 1026.00 € per chiudere il debito, 513.00 a luglio e la stessa cifra a settembre. Avendo grande difficoltà (documentabili) gradirei capire se ci saranno delle eccezioni per persone come me? Ho già pagato € 2.400, 00 (luglio- settembre -novembre 2017). Se non mi fossi preoccupata a pagare il mio debito, sarebbe andata meglio…rientravo nella pace fiscale! Una grande ingiustizia! In attesa di riscontro, le invio distinti saluti. 

La risposta data precedentemente alla nostra lettrice è stata inserita in quest’articolo: Pace fiscale, rientrerà anche chi non ha pagato le rate della rottamazione?

In molti si trovano nella situazione di non riuscire a pagare la quarta rata della definizione agevolata 2016 o la prima rata della definizione agevolata 2000/17. Non pagando o pagando in ritardo, come più volte illustrato, si perdono i benefici della definizione.

In riferimento alla pace fiscale, se ne parla tanto, ma in realtà non si sa ancora niente di definitivo, inoltre non si conoscono i tempi della sua applicazione. Da indiscrezioni, si prevede la possibilità di saldare il debito con il Fisco pagando una percentuale minima dell’importo della cartella Equitalia. Per chiudere la lite fiscale con il Fisco, il calcolo avverrà sulla base della specifica situazione economica del contribuente interessato dalla misura secondo tre scaglioni di aliquote: 6, 10 e 25%. Una specie di saldo a stralcio quindi il cui importo varierà in base al reddito, si terrà conto anche della situazione familiare e reddituale: eventuali figli minori a carico, immobili di proprietà e, ovviamente, situazione lavorativa, ecc.  Non saranno ammessi alla pace fiscale contribuenti con debiti Equitalia che superano i 200 mila euro. Escluse anche le cartelle Equitalia successive al 2014.

Questa misura ha suscitato le contestazioni di molti contribuenti che si trovano in situazioni più complicate e con debiti alti, abbiamo pubblicato le lettera di una lettrice sulla pace fiscale inviata al Ministro Salvini. E’ possibile leggerla qui: Pace fiscale l’appello di una lettrice a Salvini

Per il momento non si sa niente di concreto, quindi pensare di entrare nella “pace fiscale” se non si paga la rottamazione, è rischioso e poco attendibile. Non si conoscono le modalità di questa nuova misura e quale bacino di utenza sarà compreso.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, Quesiti rottamazione cartelle esattoriali, News Fisco, Cartella esattoriale, Rottamazione cartelle esattoriali

I commenti sono chiusi.