Opzione cedolare secca, valida anche senza il modello 69

Opzione cedolare secca valida anche senza invio del modello 69, purchè la volontà di continuare l'applicazione del regime sia prevista nella dichiarazione dei redditi del contribuente

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Opzione cedolare secca valida anche senza invio del modello 69, purchè la volontà di continuare l'applicazione del regime sia prevista nella dichiarazione dei redditi del contribuente

E’ valida anche senza presentazione del modello 69, a patto che il contribuente manifesti la volontà di continuare l’applicazione del regime in questione nella dichiarazione dei redditi l’opzione per la cedolare secca. Vediamo perchè.

Cedolare secca su affitti

La cedolare secca su affitti è un’imposta sostitutiva, introdotta a partire dal 2011 che sostituisce le imposte dovute sul contratto di locazione. Un regime facoltativo alternativo all’ordinario. Con la cedolare secca su affitti in pratica si sostituiscono l’Irpef e le relative addizionali, l’imposta di registro e l’imposta di bollo. L’imposta si calcola applicando un’aliquota del 21% sul canone di locazione annuo stabilito dalle parti ovvero un’aliquota ridotta del 19% per i contratti di locazione a canone concordato relativi ad abitazioni ubicate nei comuni con carenze di disponibilità abitative (Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Venezia e dei comuni confinanti con gli stessi nonché gli altri comuni capoluogo di provincia) e in quelli ad alta tensione abitativa.

Come fruire del regime alternativo di tassazione

Il proprietario dell’immobile dato in locazione che voglia fruire di tale regime deve esercitare la relativa opzione quando registra il contratto, compilando il modello semplificato Siria oppure il modello 69. In particolare il modello 69 va compilato per le proroghe o risoluzioni anticipate del regime di tassazione alternativa alle locazioni in oggetto. ( Si veda per maggiori dettagli il nostro articolo Cedolare secca 2012: il modello da usare per esercitare l’opzione).

Opzione cedolare secca

Ebbene proprio in riferimento all’opzione cedolare secca e al modello 69, è recentemente intervenuta l’Agenzia delle entrate con una nota interna con cui ha disposto che per quei contribuenti che hanno esercitato l’opzione per la cedolare secca nei modelli dichiarativi (modello 730 e Unico), non occorre presentare anche il modello 69.

Opzione cedolare secca, la nota interna delle Entrate

Con questa nota interna, l’Agenzia guidata da Attilio Befera ha disposto che, con riferimento al periodo d’imposta 2011 e per i contribuenti che hanno manifestato l’intenzione di continuare ad applicare la cedolare secca su affitti anche per gli anni a seguire nelle loro dichiarazioni dei redditi,730/2012 o modello Unico 2012, la fruizione di tale regime non viene meno se non hanno presentato il modello 69. Sempre che non si voglia invece interrompere l’applicazione della cedolare secca. Allora in questo caso il modello 69 va presentato.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Cedolare secca