Online il bollettino delle Entrate Tributarie Internazionali di gennaio – novembre 2020

Nei primi undici mesi del 2020, si legge all’interno del documento, l’andamento delle entrate tributarie presenta variazioni negative in tutti i Paesi monitorati.

di , pubblicato il
Nei primi undici mesi del 2020, si legge all’interno del documento, l’andamento delle entrate tributarie presenta variazioni negative in tutti i Paesi monitorati.

Il Dipartimento delle Finanze ha appena pubblicato il “Bollettino delle Entrate Tributarie Internazionali” relativo al periodo gennaio – novembre 2020.

Nel complesso, negli ultimi due mesi si è registrato una leggera attenuazione del trend negativo rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Bollettino delle entrate tributarie

Il “Bollettino delle Entrate Tributarie Internazionali”, sostanzialmente, è un report che contiene informazioni relative all’andamento delle entrate tributarie di Francia, Germania, Irlanda, Italia, Portogallo, Regno Unito e Spagna.

Attenzione, questi dati non sono oggetto di riclassificazioni, necessarie per effettuare confronti su valori assoluti o su specifiche fattispecie impositive. Per questo motivo, i dati relativi a ciascun Paese possono risultare disomogenei per livello di dettaglio, per classificazione e struttura delle imposte.

Ad ogni modo, l’obiettivo del report è quello di fornire informazioni sui tassi di variazione delle entrate tributarie erariali, in un arco temporale omogeneo per ciascun paese oggetto di analisi.

Totale delle entrate

Nei primi undici mesi del 2020, si legge all’interno del documento, l’andamento delle entrate tributarie presenta variazioni negative in tutti i Paesi monitorati, nonostante la leggera attenuazione degli ultimi due mesi.

Per quanto riguarda i singoli Paesi:

  • diminuisce il gettito tributario dell’Irlanda (- 6,9%), con una più sostenuta contrazione delle imposte indirette rispetto alle imposte dirette;
  • la Spagna registra la peggiore variazione tendenziale (-9,0%);
  • in Francia si osserva un graduale miglioramento del tendenziale (-8,9%) considerando che fino a settembre la perdita era del 13,0%;
  • il Regno Unito registra un calo tendenziale dell’8,0%;
  • la Germania mostra una variazione tendenziale di segno negativo (-8,0%)
  • in Portogallo la variazione negativa tendenziale è del 7,4%);
  • infine, in Italia il gettito tributario mostra un decremento molto più attenuato, -2,8 rispetto allo stesso periodo del 2019.

Articoli correlati

Argomenti: ,