A quale banca conviene cedere il credito del bonus 110: offerte e condizioni a confronto

Offerte per la cessione del credito 110: condizioni delle banche a confronto

di , pubblicato il
cessione-credito-banche

Se le regole per la cessione del credito (per il bonus 110 e per gli altri bonus casa) sono di base le stesse, le condizioni offerte dalle banche possono variare in base agli istituti. L’impianto normativo è stato fissato: ora spetta ai proprietari o alle ditte interessate alla cessione del credito, comparare le diverse offerte. Partiamo da una premessa: il bonus 110% riconosce un dieci per cento in più della spesa in detrazione in cinque anni. E’ chiaro che, non anticipando nulla ma cedendo il credito, si perde questo extra. E proprio su questa percentuale si gioca il ruolo delle banche. Chiaramente per il contribuente resta un’operazione a costo zero.

Cessione del credito per il bonus 110% quanto si paga: offerte delle banche a confronto

Non hai ancora chiesto alla tua banca quanto “ti costerà” la cessione del credito? Nella panoramica che segui trovi un comparatore di offerte dei principali istituti di credito.

In alcuni casi si tratta di sfumature ma sempre meglio essere informati.

Cessione del credito Unicredit: offerta di settembre

La prima proposta Unicredit è riservata a chi richiede la cessione del credito entro il 30 settembre 2020. Riconosce:

  • 102 euro per ogni 110 euro di credito fiscale se si acquista da persone fisiche e condomini;
  • 100 euro per ogni 110 euro di credito fiscale acquistato per i clienti imprese;
  • 78 euro per ogni 100 euro di credito fiscale acquistato in riferimento a detrazioni diverse dal superbonus al 110%.

Non ci sono grossi vincoli per l’accesso se non, chiaramente, quello di tenere aperto il conto corrente dedicato fino alla fine della gestione dei flussi e del finanziamento erogato.

Cessione del credito Banca Intesa: che percentuale spetta

Banca Intesa corrisponde:

  • 90,91% del valore nominale del credito per il maxi bonus 110%;
  • 80,00% del valore nominale del credito per altri bonus casa (ecobonus, sismabonus, ristrutturazione edilizia, bonus facciate).
    Dunque 80 euro su 100.

Confronto tra offerte per la cessione del credito: Mps, Bnl e altri istituti

In alcuni casi manca il dettaglio delle linee operative. Tuttavia Banca Nazionale del Lavoro ha rassicurato che tra spese e commissioni non si supererà il 10%.

Anche Banca Carige ha reso note le sue condizioni agevolate per i clienti che richiedono la cessione del credito in filiale. L’offerta prevede:

  • il 93,19% per privati e condomini (102,5 euro per ogni 110 di credito ceduto);
  • il 91,81% per le imprese (101 euro per ogni 110 di credito ceduto);
  • l’81,12% del credito ceduto per le detrazioni in dieci anni.

I crediti riconosciuti matureranno e saranno liquidati ad avanzamento lavori:

  • la prima rata con stato di avanzamento del 30% minimo del capitolato;
  • la seconda con almeno un altro 30%;
  • il residuo al fine lavori.

Non solo banche: ricordiamo che è possibile anche richiedere la cessione del credito alle Poste.

 

Argomenti: ,