Occupazione femminile: nuovi incentivi in rosa

Occupazione femminile al centro del programma di creazione, sviluppo e consolidamento di imprese femminili del Ministero del lavoro

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Occupazione femminile al centro del programma di creazione, sviluppo e consolidamento di imprese femminili del Ministero del lavoro
Occupazione femminili. Incentivi imprese femminili e assunzione giovani laureate

Occupazione femminile. Un obiettivo da sempre perseguito dai vari Governi succedutesi nel tempo per favorire l’assunzione di donne e lo sviluppo di imprese femminili. Sulla base di ciò, sono stati predisposti degli incentivi.

 

Incentivi assunzione donne, in particolare di giovani neolaureate e neodiplomate o disoccupate di età oltre i 45 anni. Questo l’oggetto del programma-obiettivo per incremento e qualificazione dell’occupazione femminile, per la creazione, lo sviluppo e il consolidamento di imprese femminili, messo a punto dal Ministero del lavoro.Un progetto di sviluppo dell’imprenditoria femminile.

Assunzione donne laureate e diplomate

Quando si parla di incentivi all’occupazione femminile, si fa riferimento in primo luogo al reinserimento lavorativo. In questo contesto ritroviamo da una parte il sostegno di lavoratrici con contratto di lavoro non a tempo indeterminato, in particolare giovani neolaureate e neodiplomate. I progetti devono mirare a stabilizzare la situazione occupazionale in misura non inferiore al 50% delle destinatarie. L’assunzione a tempo indeterminato va fatta entro i termini di chiusura del progetto.

Assunzione donne disoccupate

Dall’altra parte invece troviamo il sostegno a disoccupate, inattive, in cassa integrazione e/o mobilità, con particolare attenzione alle donne d’età sopra i 45 anni. Anche in questo caso i progetti devono mirare a stabilizzare la situazione occupazionale in misura almeno del 50% delle destinatarie, con assunzione a tempo indeterminato entro i termini di chiusura del progetto.

Finanziamenti imprenditoria femminile

La seconda tipologia di azione positiva concerne la costituzione o consolidamento di imprese femminili. Sono ammessi al finanziamento i progetti relativi alla costituzione di una o più imprese a titolarità e/o a prevalenza femminile nella compagine societaria, al fine di agevolare l’inserimento o reinserimento lavorativo di donne; nonché i progetti finalizzati a consolidare una o più imprese femminili mediante, tra l’altro, studi di fattibilità per lo sviluppo di nuovi prodotti; counselling alla gestione di impresa; formazione mirata.

Occupazione femminili: gli altri incentivi

Tra gli incentivi all’occupazione femminile che vengono trattati nel del programma-obiettivo per incremento e qualificazione dell’occupazione femminile, per la creazione, lo sviluppo e il consolidamento di imprese femminili, vi è infine una terza tipologia di azioni positive che comprende i progetti integrativi di rete.  I progetti integrativi di rete sono delle azioni che valorizzano il benessere sociale e lavorativo, con la rimozione dei pregiudizi culturali attraverso il superamento degli stereotipi in un’ottica di pari opportunità e la diffusione delle indicazioni che emergono dalle strategie comunitarie.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lavoro e Contratti, Assunzione donne