Obbligo vaccini e frequenza scolastica: come funziona

Quali sono le conseguenze per la non vaccinazione dei figli sulla frequenza scolastica?

di , pubblicato il
Quali sono le conseguenze per la non vaccinazione dei figli sulla frequenza scolastica?

Buonasera, 
se mi rifiuto di fare il vaccino prescolare a mio figlio di 6 anni e pago la multa di 500 euro poi lo ammettono a scuola? 
Grazie in anticipo.

Obbligo vaccinale cosa comporta?

Il decreto legge prevenzione – vaccini prevede che le 10 vaccinazioni obbligatorie diventino un requisito obbligatorio per l’ammissione a scuole dell’infanzia e asili nido per bambini con età compresa tra 0 e 6 anni.

Per bambini con età compresa tra 6 e 16 anni, invece, non comporta l’esclusione della frequenza scolastica (essendo la scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado fino al compimento dei 16 anni obbligatoria) ma sanzioni pecuniarie per i genitori inadempienti.

I bambini, quindi, con età compresa tra 6 e 16 anni, anche se non vaccinati, possono accedere a scuola (il non accesso è limitato ai bambini che frequentano asili nido e scuole dell’infanzia).

La sanzione pecuniaria prevista varia da 100 a 500 euro in base a quante vaccinazioni sono state omesse.

In conclusione

Nel suo caso, quindi, se suo figlio frequenta la scuola dell’infanzia anche pagando la sanzione non può essere ammesso alla frequenza scolastica. Se, invece, avendo 6 anni, frequenta la scuola primaria l’ammissione a scuola non è in nessun modo compromessa anche se decide di non vaccinarlo. La sanzione, poi, in ogni caso, dovrà pagarla anche se suo figlio frequenta la scuola.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,

I commenti sono chiusi.