Obbligo fattura elettronica e abrogazione liquidazione IVA periodiche e Spesometro, prospettive future

Fattura elettronica obbligatoria, abolizione Comunicazione Liquidazioni IVA periodiche e Spesometro, vediamo quali sono le previsioni future.

di , pubblicato il
fatturazione elettronica

Fattura elettronica: continua inarrestabile il processo di implementazione. É probabile che il legislatore nazionale riesca a superare il divieto dell’obbligo previsto dalla normativa comunitaria.

Obbligo della fattura elettronica

L’introduzione dell’obbligo di fatturazione elettronica potrebbe anche essere vantaggioso per i contribuenti, ma solo a condizione che vengano abrogati gli adempimenti recentemente introdotti quali, ad esempio, l’obbligo di trasmissione dei dati relativi alle liquidazioni IVA, lo spesometro avente periodicità trimestrale, etc. L’abrogazione dovrà essere integrale.
La previsione attuale di rendere obbligatorio la fatturazione elettronica per tutti, deve comunque avere dei vantaggi. Se il legislatore effettuasse una scelta a “metà” conservando gli obblighi di trasmissione dei dati delle fatture (spesometro) e dei dati delle liquidazioni IVA, sia pure in forma semplificata, l’effetto sarebbe solo a danno dei contribuenti. Su questi graverebbe un ulteriore obbligo, oltre agli adempimenti già in essere, anche l’obbligo dell’emissione della fattura in formato elettronico. Si spera che le semplificazioni abbiano effetto altrimenti sarebbero solo complicazioni a danno dei contribuenti e dei tanti professionisti che li assistono.

Fattura elettroniche dal 2017

Dallo schema del decreto legislativo che attua quanto previsto dall’articolo 9 della delega fiscale, è presente la disposizione che introduce, a partire dal 1° gennaio 2017, la possibilità per i contribuenti obbligati all’invio dei dati rilevanti ai fini IVA con il cd. Spesometro 2017 anno 2016, l’invio telematico dei corrispettivi e delle fatture elettroniche.
Dal 1° gennaio 2017, pertanto, i contribuenti potranno scegliere se inviare per via telematica le fatture elettroniche, tramite il servizio gratuito dell’Agenzia delle Entrate, Sistema di Interscambio SdI, l’opzione potrà essere esercitata già dal 1° gennaio e rimarrà in vigore per 5 anni. L’opzione, comunque revocabile o rinnovabile ogni 5 anni.

Argomenti: , , ,