Notizie false e bufale: ecco come riconoscerle con il decalogo di Facebook

Come capire se una notizia che si sta leggendo è una bufala o una notizia vera? Ecco il decalogo diffuso da Facebook per capirlo.

di , pubblicato il
Come capire se una notizia che si sta leggendo è una bufala o una notizia vera? Ecco il decalogo diffuso da Facebook per capirlo.

Con la viralità che alcune notizie hanno sui social network è bene accertarsi che quello che si intende condividere non sia una notizia falsa o una bufala. Dopo le ultime bufale circolate anche Facebook ha deciso di provare a combattere la diffusione delle false notizie in rete e proprio per evitare che bufale siano spacciate per notizie clamorose o allarmistiche la compagnia di Zuckerberg ha pubblicato un decalogo per capire se la notizia che si sta leggendo è o meno una bufala.

Come capire, quindi, se una notizia è una bufala o una notizia fondata? Innanzitutto non fermarsi al titolo: in questa epoca di notizie false, infatti, molto spesso i titoli sono ingannevoli, anche e soprattutto perchè la maggioranza delle persone si ferma ad essi senza approfondire il contenuto della notizia.

Prima di credere alla veridicità di una notizia è bene controllarne la fonte e anche la url di provenieza: molto spesso, infatti,  le notizie bufala sono riportate da siti con una url molto simile a quelle di siti autorevoli  (ilfattoquotidaino, ad esempio, è molto simile al ilfattoquotidiano). Se invece la fonte da cui proviene la notizia è sconosciuta è bene andare a vedere le informazioni presenti sulla pagina del sito che l’ha diffusa.

Attenzione anche alle foto che accompagnano la notizia, nelle bufale, infatti, molto spesso le foto, anche se veritiere appaiono ritoccate per fare in modo da coincidere con la notizia o magari fuori contesto.

Prima di accettare come vera una notizia controllare anche le date degli avvenimenti riportati: molte volte, infatti, la cronologia potrebbe essere senza senso.

Molto spesso, nelle notizie false, le testimonianze riportate dall’autore non sono attendibili: se il nome degli esperti o dei personaggi istituzionali cui viene fatto riferimento non sono riportati, molto probabilmente potrebbe indicare la falsità della notizia.

Un altro importante riscontro sulla veridicità di una notizia è contrallere se fonti autorevoli hanno riportato lo stesso contenuto: se la notizia è riportata anche da fonti attendibili ci sono buone probabilità che sia vera.

Una cosa da tenere presente quando si legge qualcosa pubblicato in rete è che si potrebbe trattare di uno scherzo: non sempre è facile capire se la notizia che si sta leggendo è una bufala o semplicemente satira. Se la fonte da cui proviene la notizia è nota per parodie o scherzi ci sono buone probabilità che la notizia sia a scopo umoristico.

Molto spesso, poi, le notizie riportate sul web che appaiono false lo sono intenzionalmente: a questo punto solo la nostra capacità critica potrà dirci se la notizia in questione è talmente rilevante da essere diffusa tra i nostri contatti oppure no.

Leggi anche: Le più grandi bufale della settimana: quattro false notizie su tasse e lavoro e Bufale online: chi ci guadagna? L’inchiesta de Le Iene

Argomenti: ,