Nonni in pensione: hanno diritto al bonus baby sitter? Ecco i 2 requisiti

Nonni in pensione: possono fare da baby sitter? Hanno diritto al bonus? Sono previste due condizioni: ecco quali sono

di , pubblicato il
Nonni in pensione: possono fare da baby sitter? Hanno diritto al bonus? Sono previste due condizioni: ecco quali sono

Buon pomeriggio,
Vorrei sapere se il bonus baby sitter può essere fruito dalla nonna che fa da baby sitter.
La nonna percepisce l’indennizzo commercianti, c’è incompatibilità?

Cordiali saluti

Anche chi non usufruiva del servizio di baby sitting prima del Covid, potrebbe oggi essere costretto a rivedere le sue abitudini. Se sono i nonni a fare da baby sitter? Chi ha la fortuna di poter contare sull’aiuto dei genitori, spesso preferisce affidarsi a loro. In molti quindi si chiedono se, anche in questo caso, spetta il bonus baby sitter  (fermo restando il perfezionamento degli altri requisiti).

Il paradosso del bonus baby sitter ai nonni

In linea generale la normativa non esclude che il bonus baby sitter possa essere riconosciuto a favore di parenti. Tuttavia questi non dovranno essere conviventi. Anzi nella circolare 73/2020 dello scorso 17 giugno si specifica proprio che non si applica il “principio di carattere generale della presunzione di gratuità delle prestazioni di lavoro rese in ambito familiare, salvo si tratti di familiari conviventi con il richiedente e, ovviamente, di soggetti titolari della responsabilità genitoriale (genitore, anche se non convivente, separato/divorziato)”.

Concludendo quindi, non è scontato che i nonni (o altri parenti non conviventi) facciano i baby sitter gratis. A volte a spingere ad affidarsi a loro non è il risparmio ma l’affidabilità.

Aldilà del vincolo di parentela, comunque, la modalità di pagamento deve essere il libretto di famiglia.

Il voucher, infatti, non viene erogato sotto forma di rimborso per i costi sostenuti per la baby sitter, ma come strumento per il pagamento di una prestazione di lavoro occasionale.

Quello che appare paradossale è che, applicando le indicazioni della Conferenza delle Regioni, molti Comuni hanno preferito chiedere che gli accompagnatori dei bambini ai centri estivi abbiano meno di 60 anni.

Questo, spesso e volentieri, escluderebbe proprio i nonni. Che però possono fare i baby sitter e chiedere il bonus.

Chi può fare la baby sitter se i genitori chiedono il bonus

Chiarito, quindi, che i nonni hanno diritto al bonus baby sitter, rispondiamo al dubbio in merito alla compatibilità del voucher con il bonus commercianti. Il servizio di baby sitting viene trattato dall’INPS come prestazione di lavoro occasionale (come abbiamo visto retribuita per mezzo del Libretto famiglia).

Le categorie che possono svolgere l’attività di baby-sitting sono:

– titolari di pensione di vecchiaia o di invalidità;
– giovani under 25 anni, iscritti ad un istituto scolastico o facoltà universitaria;
– disoccupati;
– titolari di prestazioni integrative del salario o di sostegno del reddito.

 

 

Argomenti: ,