Naspi: presentazione domanda disoccupazione, le istruzioni dell’Inps

Una circolare dell'Inps fornisce le indicazioni e le istruzioni per la presentazione della domanda di disoccupazione NaSpi

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Una circolare dell'Inps fornisce le indicazioni e le istruzioni per la presentazione della domanda di disoccupazione NaSpi

A partire dal 1 maggio sarà possibile utilizzare i canali telematici per l’inoltro della domanda NaSpi. La domanda per la disoccupazione va presentata entro i termini di decadenza di 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro via web, tramite patronato o attraverso i Contact Center. In merito alla presentazione della domanda dell’indennità NaSpi era stata preannunciata l’emanazione di una circolare ed è proprio l’Inps, con  una circolare a spiegare che l’inoltro della domanda da 1 maggio sarà possibile:

  • via web, attraverso il sito www.INPS.it (direttamente da cittadino in possesso del PIN dispositivo INPS)
  • tramite patronato (che, per legge, offre assistenza gratuita);
  • tramite Contact Center Integrato INPS INAIL (chiamando da rete fissa il numero gratuito 803 164 oppure il numero 06 164 164 da telefono cellulare, con tariffazione stabilita dal proprio gestore).

 

NaSpi: cosa è

La Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego, NaSpi ha lo scopo di fornire una tutela a sostegno del reddito  coloro che, titolari di un contratto di lavoro subordinato, abbiano perduto involontariamente l’occupazione. La NaSpi va a sostituire l’indennità di disoccupazione Aspi e mini Aspi, che continueranno a disciplinare gli eventi di cessazione involontaria del lavoro fino al 30 aprile 2015.  

Domanda NaSpi

I lavoratori che hanno diritto a richiedere l’indennità di disoccupazione NaSpi devo farlo, esclusivamente per via telematica, entro la decadenza dei 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro. I destinatari della NaSpi sono  tutti i lavoratori dipendenti compresi apprendisti e soci lavoratori di cooperativa che abbiano stabilito un rapporto di lavoro subordinato. Un lavoratore per poter usufruire della NaSpi deve presentare i seguenti requisiti congiuntamente, oltre ad aver perduto involontariamente il lavoro,:

  1. siano in stato di disoccupazione ai sensi dell’articolo 1, comma 2, lettera c) del decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 181 e successive modificazioni;
  2. possano far valere, nei quattro anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione, almeno tredici settimane di contribuzione contro la disoccupazione;
  3. possano far valere trenta giornate di lavoro effettivo, a prescindere dal minimale contributivo, nei dodici mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Naspi