Multa pagata con bonifico: come non perdere lo sconto del 30%

Bonifico bancario per pagare la multa: è prevista una tolleranza maggiore nei pagamenti.

di , pubblicato il
Bonifico bancario per pagare la multa: è prevista una tolleranza maggiore nei pagamenti.

La multa per violazione del codice della strada può essere pagata anche con il bonifico bancario senza correre il rischio di perdere il diritto allo sconto del 30% per chi paga entro i 5 giorni dalla notifica.

Pagare la multa entro i termini stabiliti dalla legge non è importante solo per poter fruire dello sconto ma anche perchè dal 61° giorno dopo la notifica non si avrà più la possibilità di pagare la multa senza pagare la sanzione dovendo, quindi, versare l’importo in misura piena con sanzioni e interessi pari al 10% ogni 6 mesi.

Pagare la multa con bonifico: ci sono 2 giorni in più

Quando la multa si paga con il bonifico bancario, è prevista una tolleranza maggiore perché la data dell’operazione non corrisponde quasi mai con quella dell’accredito e per questo, invece di 5 giorni, sono previsti due giorni in più per il completamento dell’operazione.

A precisare la procedura per i pagamenti  delle multe per violazioni del codice della strada con bonifico è una recente sentenza, del 5 giugno 2017, del giudice di Pace di Trapani, con la quale si stabilisce che il pagamento della multa tramite bonifico per considerarsi eseguito nei primi 5 giorni dalla notifica della multa, l’accredito della somma a favore dell’amministrazione può arrivare anche il 7° giorno e per considerarsi eseguito nei primi 60 giorni dalla notifica della multa, l’accredito della somma a favore dell’amministrazione può arrivare anche il 62° giorno.

La novità è stata introdotta nel 2016 e precisa che “l primo e il secondo periodo del comma 1 dell’articolo 202 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, si interpretano nel senso che, per i pagamenti diversi da quelli in contanti o tramite conto corrente postale, l’effetto liberatorio del pagamento si produce se l’accredito a favore dell’amministrazione avviene entro due giorni dalla data di scadenza del pagamento”.

Anche il Ministero dell’Interno ha emesso una circolare lo scorso anno per precisare che l’articolo 17 quinquies ha effetto retroattivo e il principio “dovrà essere applicato a tutti i verbali per i quali il pagamento della sanzione sia intervenuto con le modalità e termini sopra indicati”.

Argomenti: Nessuno