Monete rare, da 1 centesimo a un euro: chi può dirti quanto valgono

Hai trovato in casa monete di euro rare? Scopri (veramente) quanto valgono

di , pubblicato il
euro-collezione-valore

Durante la quarantena hai trovato in casa vecchie monete e pensi possano essere rare e di valore? Mentre eri in vacanza all’estero quest’estate hai conservato monete straniere che ti sembrano avere qualcosa di diverso? Magari ricordi vagamente di aver letto che alcune monete, rare o per errori di conio, possono valere una piccola (o grande in alcuni casi) fortuna e vorresti sapere se quelle di cui sei in possesso potrebbero rientrare tra queste.

In alcune guida ti abbiamo già spiegato come analizzare le monete per cercare di capire se hanno un valore superiore a quello di circolazione. Si tratta, lo ribadiamo, di monete rare, il che, come indica il nome, significa che non è facile entrarne in possesso (altrimenti tutti tenterebbero questa strada non trovi?). Ma ciò non significa che sia impossibile essere tra i fortunati possessori di monete rare e di valore.

Cosa guardare per capire quanto vale una moneta

Un primo sguardo si può dare già da soli: servirà una lente di ingrandimento. Questo strumento servirà a verificare eventuali graffi. Confronta il modello con quelli illustrati nei cataloghi dedicati alle monete rare. Anche misurare il peso serve ad escludere monete contraffatte. Se pensate di aver trovato qualcosa di interessante, allora servirà consultare un esperto. Quest’ultimo verificherà in primis l’autenticità e, in secondo luogo, la rarità. A volte la rarità è dovuta ad errori di conio. Presso un negozio di numismatica gli esperti sapranno dare indicazioni utili ai neofiti collezionisti.

Dai centesimi ai due euro: ecco le monete di valore che potresti avere in casa

Molte delle richieste dei collezionisti italiani si concentrano sulle vecchie lire, ormai fuori circolazione.

Tuttavia anche le monete di euro possono, in alcuni casi, valere una piccola (o anche grande) fortuna.

Andiamo con ordine partendo dal taglio più piccolo.

I cd “bottoni“, le monete in rame da uno, due o cinque centesimi, ormai non sono neanche più accettate in molti negozi, le macchinette automatiche non le hanno mai prese e il più delle volte danno fastidio e pesano. E se qualcuna di queste valessero ben più del valore nominale? L’esempio più noto sono i pezzi da un centesimo che riportano per sbaglio la mole Antonelliana (che invece starebbe sulla faccia dei due centesimi). Sulle monete da un centesimo, infatti, c’è il profilo di Castel del Monte. Esistono circa 7 mila esemplari di queste monete errate. Nel maggio 2013 un collezionista ha pagato ben 6.600 euro per una di queste monete rare!

Quando parliamo di euro rari ovviamente non ci riferiamo solo a quelli coniati dalla Zecca italiana. Magari, ad esempio dopo un viaggio, vi ritrovate qualche moneta estera di valore in tasca

Tra i 2 centesimi sloveni quelli più ricercati sono quelli del 2015 e del 2017, non diventerete ricchi ma sono quotati oltre 2 euro. Sono date 2018 invece le monete da 5 centesimi Slovenia più rare e quotate.

Tra i 10 centesimi si possono trovare diversi conii con valori che si aggirano intorno a 2,59€. Anche i 20 centesimi più quotati raggiungono una stima approssimativa di questo importo.

Interessanti tra i collezionisti anche le monete da 50 centesimi Slovenia rare tra il 2010 fino al 2018.

 

Leggi anche:

Monete da 50 centesimi: tutti a caccia di quelle del 2007 che valgono una fortuna

 

Tendenzialmente comunque le occasioni più comuni di trovare per caso e per fortuna monete di valore, riguardano le monete da 2 euro. E’ questo il taglio scelto per le monete commemorative peraltro. Ce ne sono diverse serie.

 

Leggi anche:

Da che lato guardare le monete da 2 euro per capire se valgono qualcosa

 

Argomenti: