Modello Redditi PF/2020: guida alla compilazione dei righi per gli aiuti statali

Chi nel 2019 ha beneficiato di aiuti di Stato deve indicarli in dichiarazione dei redditi da presentare entro il prossimo 30 novembre 2020

di , pubblicato il
Chi nel 2019 ha beneficiato di aiuti di Stato deve indicarli in dichiarazione dei redditi da presentare entro il prossimo 30 novembre 2020

I soggetti persone fisiche che hanno ricevuto aiuti di stato nel 2019 sono chiamati a compilare l’apposito quadro presente nel Modello Redditi PF/2020 denominato appunto “Aiuti di Stato” e composto dai righi RS401 ed RS402. SI ricorda che la presentazione del predetto modello dichiarativo, salvo proroghe, scade il 30 novembre prossimo.

Nel dettaglio, come si legge anche dalle istruzioni ministeriali, i soggetti tenuti alla compilazione sono coloro che nello scorso anno d’imposta hanno beneficiato di aiuti fiscali automatici (aiuti di Stato e aiuti “de minimis”) nonché di quelli subordinati all’emanazione di provvedimenti di concessione o di autorizzazione alla fruizione, comunque denominati, il cui importo non è determinabile nei predetti provvedimenti ma solo a seguito della presentazione della dichiarazione resa a fini fiscali nella quale sono dichiarati, disciplinati dall’articolo 10 del Regolamento de minimis.

Il prospetto va compilato anche dai soggetti che hanno beneficiato nel periodo d’imposta di aiuti fiscali nei settori dell’agricoltura e della pesca e acquacoltura, da registrare nei registri SIAN e SIPA.

I righi da compilare

Premesso che il prospetto deve essere compilato con riferimento agli aiuti di Stato i cui presupposti per la fruizione si sono verificati nel periodo d’imposta di riferimento della dichiarazione (quindi, nel 2019), per ciascun aiuto va compilato un distinto rigo (RS401), utilizzando un modulo per ogni rigo compilato.

Nell’ipotesi in cui l’aiuto complessivamente spettante si riferisca a progetti d’investimento realizzati in diverse strutture produttive e/o abbia ad oggetto diverse tipologie di costi ammissibili, per ciascuna struttura produttiva e per ciascuna tipologia di costi va compilato un distinto rigo. In tal caso, nei righi successivi al primo, non vanno compilate le colonne 12, 13 e 17.

Al rigo RS402 vanno poi riportati, in caso di aiuti de minimis, i codici fiscali delle imprese che concorrono con il soggetto beneficiario a formare una “impresa unica”, come definita dall’articolo 2, comma 2, del Regolamento (UE) 1407/2013, ossia “l’insieme delle imprese fra le quali esiste almeno una delle relazioni seguenti:

  • un’impresa detiene la maggioranza dei diritti di voto degli azionisti o soci di un’altra impresa;
  • un’impresa ha il diritto di nominare o revocare la maggioranza dei membri del consiglio di amministrazione, direzione o sorveglianza di un’altra impresa;
  • un’impresa ha il diritto di esercitare un’influenza dominante su un’altra impresa in virtù di un contratto concluso con quest’ultima oppure in virtù di una clausola dello statuto di quest’ultima;
  • un’impresa azionista o socia di un’altra impresa controlla da sola, in virtù di un accordo stipulato con altri azionisti o soci dell’altra impresa, la maggioranza dei diritti di voto degli azionisti o soci di quest’ultima.

Sono considerate “impresa unica” anche le imprese fra le quali intercorre una delle relazioni di cui ai punti precedenti per il tramite di una o più altre imprese.

Argomenti: ,