Modello 730, se cambia il sostituto prima del rimborso, cosa fare? | La Redazione risponde

Modello 730 e variazione del sostituto d'imposta: ecco cosa fare per ottenere il rimborso |La Redazione risponde.

di Angelina Tortora, pubblicato il
Modello 730 2018

Mi chiamo Andrea, sono stato licenziato a giugno dopo la presentazione del 730 e ad agosto sono stato assunto da un nuovo datore di lavoro. Cosa devo fare per avere il rimborso, il CAF mi dice che devo fare il modello 730 integrativo, è così?

La Circolare 14/E del 9 maggio 2013, dell’Agenzia delle Entrate, precisa che, in caso di cessazione del rapporto di lavoro intervenuta dopo la presentazione del modello 730 al CAF, il sostituto d’imposta (ex datore di lavoro) deve comunque operare il conguaglio a credito anche ai dipendenti cessati o privi di retribuzione.

Modello 730 integrativo 2017, le correzioni possibili fino al 25 ottobre

Modello 730/4 scartato e modello 730 integrativo

Solo nel caso in cui il sostituto d’imposta proceda allo scarto del 730/4 e al ricevimento dello scarto da parte dell’Agenzia delle entrate, è possibile presentare un 730 Integrativo di tipo 2 indicando i dati del nuovo sostituto che opererà il conguaglio.

In quali casi si può presentare il modello 730 integrativo di tipo 2

In linea generale, prima di presentare il modello 730 Integrativo di tipo 2, è necessario acquisire e conservare agli atti anche l’avvenuto scarto del 730/4 da parte del sostituto d’imposta, per poter dimostrare che il dichiarante non ha percepito due volte il conguaglio a credito.

Termine per la presentazione

I modelli  730/2017 integrativi potranno essere inviati fino alle ore 24.00 del prossimo 25 ottobre.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, News Fisco, Modello 730