Mod 730 2013, prossima scadenza il 31 maggio

Ieri era l'ultimo giorno utile per la consegna 730 al sostituto di imposta. La prossima data da ricordare è il 31 maggio per la presentazione del mod 730 2013 al CAF o professionista abilitato

di , pubblicato il
Ieri era l'ultimo giorno utile per la consegna 730 al sostituto di imposta. La prossima data da ricordare è il 31 maggio per la presentazione del mod 730 2013 al CAF o professionista abilitato

Dopo la scadenza di ieri, per la consegna del modello 730 al sostituto di imposta, la prossima data da ricordare è il 31 maggio, entro cui avviene la presentazione del mod 730 al CAF o professionista abilitato.

Consegna 730 sostituto imposta, termini scaduti

Ieri, 16 maggio 2013, è scaduto il termine per la presentazione del modello 730 al sostituto di imposta, datore di lavoro o ente pensionistico. La prossima scadenza in merito alla dichiarazione 730 sarà fra circa 15 giorni, con la presentazione 730 al Caf o professionista abilitato.

Presentazione 730 CAF/professionista abilitato

Il contribuente che non ha scelto di effettuare la consegna 730 al sostituto di imposta entro ieri, 16 maggio 2013, termine prorogato da un apposito DPCM che ha fatto slittare la scadenza dal 30 aprile al 16 maggio 2013, può scegliere di avvalersi dell’assistenza fiscale di un CAF-dipendenti o di un professionista abilitato. In tal caso la scadenza prossima per la presentazione è il 31 maggio 2013. Entro tale data deve essere presentato il modello 730/2013 già compilato oppure il modello predisposto dal soggetto che ha fornito la consulenza fiscale richiesta dal contribuente e il mod 730-1 per la scelta della destinazione dell’8 per mille dell’Irpef e del 5 per mille dell’Irpef, anche se non compilato, nell’apposita busta chiusa. Tali modelli possono essere sottoscritti anche elettronicamente mediante apposizione di una firma elettronica.

La circolare n. 14/E delle Entrate

Nella circolare n. 14/E del 9 maggio scorso l’Agenzia delle entrate fornisce chiarimenti in merito proprio all’assistenza fiscale per la compilazione e presentazione 730 2013. Nel documento di prassi in questione che si legge che qualora il contribuente richieda l’assistenza fiscale per la compilazione del modello 730, la residenza anagrafica deve essere indicata solo se è variata.

Documenti 730 2013

Quando il contribuente sceglie di avvalersi dell’assistenza fiscale del CAF o professionista abilitato, deve esibire a questi soggetti anche la documentazione necessaria per consentire la verifica della conformità dei dati esposti nella dichiarazione e del rispetto delle disposizioni che disciplinano gli oneri deducibili e quelli per i quali spetta una detrazione, le detrazioni e i crediti d’imposta, lo scomputo delle ritenute d’acconto.

Tale documentazione deve essere conservata dal contribuente fino al 31 dicembre 2017 ed  esibita, se richiesta, ai competenti uffici dell’Agenzia delle entrate. (Si veda il nostro articolo Documenti 730 2013, ecco quali sono). Spetta al  CAF o al professionista abilitato rilascia, al contribuente, una ricevuta del modello 730 e della busta contenente il modello 730-1 consegnati e della documentazione esibita. Prima di rilasciare la ricevuta, che costituisce prova dell’avvenuta presentazione della dichiarazione, occorre verificare che il contribuente possieda i requisiti necessari per utilizzare il modello 730, che siano indicati gli estremi del sostituto d’imposta che dovrà eseguire i conguagli e che la dichiarazione sia sottoscritta dal contribuente o dal rappresentante o tutore e, in caso di dichiarazione congiunta, da entrambi i contribuenti.

L’indicazione dei documenti 730 esibiti dai contribuenti può avvenire anche in forma sintetica quando ad esempio il CAF o il professionista abilitato ne conserva copia. In caso contrario, è necessario che gli stessi siano analiticamente indicati nel mod. 730-2. Ad esempio, le spese per farmaci si intendono elencate analiticamente se indicate con il relativo importo, anche complessivo, separatamente dalle altre spese sanitarie. 

Argomenti: