Mini IMU ravvedimento, ecco come pagare in ritardo

La mini guida completa sul ravvedimento operoso mini IMU per chi non ha rispettato la scadenza del 24 gennaio scorso

di , pubblicato il
La mini guida completa sul ravvedimento operoso mini IMU per chi non ha rispettato la scadenza del 24 gennaio scorso

Tutto sul ravvedimento operoso della mini IMU 2014, le sanzioni e gli interessi applicabili per chi non ha pagato la tassa entro la scadenza del 24 gennaio scorso. Ecco come pagare in ritardo la mini IMU e quali sanzioni si applicano con l’istituto del ravvedimento operoso.

 Mini IMU 2014:scadenza il 24 gennaio

 Ormai scaduto il termine per il versamento della mini IMU, lo scorso 24 gennaio 2014, ma molti contribuenti non hanno provveduto a pagare nel termine fissato dalla legge di stabilità 2014.

Come rimediare?

 Saldo IMU 2013: pagamento senza sanzioni o interessi

 E’ stato il ministero dell’economia e delle finanze ad aver precisato che gli omessi o insufficienti versamenti del saldo IMU scaduto il 16 dicembre 2013, applicabile su seconde case, negozi e capannoni potranno essere sanati  al termine di scadenza del versamento della prima rata IMU 2014, ossia il prossimo 16 giugno, senza pagare sanzioni ed interessi.

 Mini IMU 2014

 Per quanto invece riguarda la mini IMU, l’imposta dovuta nella misura della differenza al 40 per cento sui terreni condotti e posseduti da coltivatori diretti e IAP, se l’ente ha deliberato un aumento rispetto al 7,6 per mille, nessuna sanatoria è applicabile, scaduta il 24 gennaio 2014, per chi non ha pagato entro detto termine, non si prevede l’esclusione da sanzioni e interessi. Quindi chi paga in ritardo si vedrà applicare una sanzione del 30% così come prevista dal decreto legislativo n. 471 del 1997.

 Ravvedimento mini IMU 2014

 Per la mini IMU, come per l’IMU vale l’istituto del ravvedimento operoso che prevede sconti sulle sanzioni per chi paga in ritardo un’imposta. In particolare il  ravvedimento operoso per la mini IMU prevede che:

  •  per i versamenti mini IMU 2014 effettuati con un ritardo non superiore a 15 giorni, la sanzione del 30 per cento si riduce a1/15 per ciascun giorno di ritardo ed è pari, quindi, al 2% al giorno fino ad arrivare al 30% per i ritardi da 15 giorni in avanti
  •  per ogni giorno di ritardo (un quindicesimo del 3%), se il versamento del tributo viene eseguito entro quattordici giorni dal 24 gennaio 2014 (scadenza originaria della mini-IMU), la sanzione è ridotta allo 0,2%
  •  per i pagamenti eseguiti dal 31° giorno entro un anno dalla violazione, quindi entro il 24 gennaio 2015, la sanzione è di 3,75%.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti:

I commenti sono chiusi.