Mef, +2,7% dichiarazioni Ires per le società capitali nel 2017

In aumento le dichiarazioni Ires delle società di capitali nel 2017 per un incremento delle dichiarazioni dei redditi del 6,1%. Versate imposte per oltre 11 miliardi di euro.

di , pubblicato il
In aumento le dichiarazioni Ires delle società di capitali nel 2017 per un incremento delle dichiarazioni dei redditi del 6,1%. Versate imposte per oltre 11 miliardi di euro.

Nell’anno di imposta 2017 le dichiarazioni delle società di capitali sono state 1.197.563, in crescita del 2,7% rispetto all’anno precedente. Lo comunica il Mef, spiegando che il 63% dei soggetti ha dichiarato un reddito d’impresa rilevante ai fini fiscali, mentre il 30% ha dichiarato una perdita e il 7% ha chiuso l’esercizio in pareggio.

Il reddito fiscale dichiarato, pari a 173,3 miliardi di euro, mostra un consistente incremento (+6,1%). Tra i settori in cui si riscontra un incremento del reddito vi sono: trasporto e magazzinaggio (+14,9%), attività finanziarie ed assicurative (+7,2%), commercio all’ingrosso e dettaglio (+5,5%) e attività manifatturiera (+4,3%). L’ammontare della perdita fiscale, pari a 63,8 miliardi di euro, subisce un decremento del 7,9% nonostante l’incremento del numero dei soggetti in perdita pari all’1,4%. La riduzione della perdita è concentrata nel settore finanziario (-24%), in controtendenza rispetto all’anno precedente.

Redditi in crescita per le società

Nel 2017 le società di capitali hanno dichiarato un imponibile di 143,1 miliardi di euro (+17,7% rispetto al 2016). Se si analizza distintamente l’imponibile dichiarato nel modello Redditi e quello dichiarato nel modello Consolidato, emerge che le società che liquidano in regime ordinario hanno avuto un incremento del 12,1% rispetto all’anno precedente, prevalentemente concentrato nei settori commercio all’ingrosso e al dettaglio (+12,3%) e manifatturiero (+9,4%). Per quanto riguarda l’imponibile del consolidato si assiste ad un incremento di circa il 12,9% rispetto al 2016, passando da 41,5 a 46,8 miliardi di euro. L’incremento del reddito ha interessato prevalentemente il settore manifatturiero che passa da 12,1 a 14,3 miliardi di euro.

Versate imposte per oltre 11 miliardi

Nel 2017 la percentuale delle società di capitali che dichiarano un’imposta è pari al 58,5%, in linea con l’anno precedente; il rimanente 41,5% non ha dichiarato un’imposta o ha un credito.

Le società che sono assoggettate a tassazione ordinaria dichiarano un’imposta netta pari a circa 21,7 miliardi di euro (-0,7% rispetto al 2016), mentre i gruppi societari che hanno optato per il regime fiscale del consolidato dichiarano un’imposta netta di circa 11,2 miliardi di euro (-1,5% rispetto al 2016). L’andamento dell’imposta netta, oltre ad essere influenzato dall’andamento della base imponibile (che come indicato nel paragrafo precedente è positivo), riflette le variazioni di aliquota stabilite per l’anno d’imposta 2017.

Irap per 3,8 milioni di società

Il numero dei soggetti che hanno presentato la dichiarazione Irap per l’anno d’imposta 2017 è pari a 3.819.984 (-3,6% rispetto al 2016). La contrazione ha interessato in misura prevalente le persone fisiche (-7,3% rispetto al 2016), a causa della crescente adesione al regime forfetario, e le società di persone (-4,3% rispetto al 2016). I soggetti che dichiarano un valore della produzione diverso da zero (al netto delle deduzioni del costo del lavoro) sono 3.309.354 (-2,4% rispetto all’anno precedente), per un ammontare complessivo di circa 374,1 miliardi di euro (+3,2% rispetto al 2016). L’incremento del valore della produzione dichiarato riguarda in particolare le società di capitali (+13,7%), mentre per le persone fisiche e le società di persone si assiste ad una contrazione rispettivamente del 33,6% e del 14%.

437 miliardi di euro di imponibile nel 2017

La base imponibile totale è risultata pari a circa 437,4 miliardi di euro (+3,5% rispetto al 2016); se si considera invece la base imponibile dell’attività istituzionale della P.A., costituita dall’ammontare delle retribuzioni corrisposte (pari a 109,6 miliardi di euro), si registra un valore pressoché stabile rispetto all’anno precedente (-0,7%). L’imposta dichiarata per l’anno 2017 è stata pari a 23,2 miliardi di euro (+2% rispetto al 2016), con un valore medio pari a 11.070 euro. La distribuzione territoriale sulla base del luogo in cui è svolta l’attività produttiva ha evidenziato che il 52% dell’imposta è prodotta al Nord e il 16% al Sud, in linea con l’andamento dell’anno precedente. Per quanto riguarda l’anno d’imposta 2017, le deduzioni per lavoro dipendente[10] sono pari a circa 396,1 miliardi di euro (+1,7% rispetto al 2016) e sono utilizzate per l’88% dalle società di capitali.

Argomenti: ,