Mantenere la famiglia costa 630 euro in più nel 2020: ecco tutti gli aumenti

Mantenere una famiglia quest'anno costerà 630 euro in più: ecco perché. Quali tasse e servizi aumenteranno e che cosa può (ancora) fare il Governo per evitare la stangata sulle famiglie.

di , pubblicato il
Mantenere una famiglia quest'anno costerà 630 euro in più: ecco perché. Quali tasse e servizi aumenteranno e che cosa può (ancora) fare il Governo per evitare la stangata sulle famiglie.

Quanto costa mantenere una famiglia? Dal 2020 la stangata prevista è di 630 euro in più per nucleo. Le stime sono quelle dell’Osservatorio Nazionale Federconsumatori e si basano da un lato sulla riforma fiscale contenuta nella Legge di Bilancio e, dall’altro, sull’andamento dei prezzi con alcuni rincari pesanti.

Vediamo più nel dettaglio quali voci incideranno sul budget per mantenere una famiglia nel 2020.

Costi in aumento: quanto serve per mantenere una famiglia nel 2020

Spiega infatti una nota dell’associazione a tutela dei consumatori che l’andamento si deve alla combinazione di due fattori: “da un lato, alcune scelte assunte nella manovra di bilancio e nel Decreto Milleproroghe, dall’altro alcuni trend, come quello relativo agli aumenti nel campo delle assicurazioni, già in atto negli ultimi giorni dell’anno”. Per quanto riguarda il secondo trend, i costi in aumento sono in particolare:assicurazioni auto (+3,8%), i costi bancari (+3,7%), trasporti (+3,1%), prodotti della casa (+2,1%), e alimentazione (+1,6%).

Per quanto riguarda il settore della raccolta rifiuti si specifica che: “vi potranno essere delle modifiche rispetto a tali stime, alla luce della regolazione secondo i nuovi piani tariffari che ARERA stabilità entro la metà del 2020. In tema di rifiuti è certo, comunque, che la questione della gestione delle discariche e di piani regolatori inciderà in maniera non indifferente sulle tasche dei cittadini“.

Poche invece le voci di spesa che per il 2020 faranno registrare un ribasso, seppure lieve: in sostanza i ticket sanitari (che diventeranno proporzionali al reddito) e le bollette dell’acqua.

Secondo Federconsumatori, a conti fatti, ogni famiglia sborserà in media 630 euro di più rispetto al 2019: “non bisogna trascurare il fatto che tali aumenti avvengono in un contesto delicato, in cui il Paese stenta ancora a riprendersi e in cui manca un serio piano di crescita improntato allo sviluppo, alla ricerca, al rilancio dell’andamento dell’occupazionale”. Alla luce del report, l’associazione chiede dunque al Governo di intervenire con una decisione che “non si sottragga ad operare una seria rimodulazione delle aliquote IVA, in modo da non tassare come beni di lusso alcuni beni e prodotti che invece sono di largo consumo”.

Argomenti: ,