Malattia e visite fiscali: cambiano le regole contro l’assenteismo

Visite fiscali: passano alla gestione Inps anche quelle per i dipendenti pubblici. Basterà a frenare l’assenteismo?

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Visite fiscali: passano alla gestione Inps anche quelle per i dipendenti pubblici. Basterà a frenare l’assenteismo?

Le visite fiscali per il controllo delle assenza dal lavoro per malattia dei dipendenti pubblici saranno affidate all’Inps. La Camera ha dato il via libera alla Riforma sulla Pubblica Amministrazione che comprende anche la delega su questo punto. Con questa misura il governo punta ad istituire un “polo unico” per la gestione delle visite fiscali e il controllo dei certificati medici uniformando la disciplina della malattia da lavoro per la PA e il settore privato. Per i dipendenti pubblici quindi non sarà più la ASL a gestire “le funzioni in materia di accertamento medico-legale sulle assenze dal servizio per malattia” ma direttamente l’istituto previdenziale.  

Visite mediche funzionari INPS: le nuove regole per la PA

La gestione dei controlli fiscali dell’INPS sarà affidata a medici iscritti nelle liste speciali ad esaurimento come da Dl 101/2013. Da questo punto di vista quindi dipendenti privati e pubblici saranno equiparati al 100%.

L’Assenteismo è un falso problema?

La novità sulle visite mediche fiscali ha fatto storcere il naso a sindacati ed opposizioni. La Cgil ha sminuito la questione come un “falso problema” e ha ritenuto poco idoneo scaricare la responsabilità dell’assenteismo sulla Asl che, tra le righe, viene accusata evidentemente di non svolgere bene il suo lavoro. Vediamo dunque dato per scontato che l’Inps farà di meglio? Il punto non è solo questo: occorre capire in che modo il cambiamento sarà concretamente messo in pratica e con quali misure. Resta inoltre una situazione di disparità di trattamento laddove ai dipendenti pubblici, a differenza di quanto previsto per quelli privati, vengono decurtati i soldi in busta paga a partire dal primo giorno di malattia. Eppure neanche questa discriminante è riuscita a fermare l’assenteismo come insegnano purtroppo alcuni casi emblematici e scandali recenti.    

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tasse e Tributi

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.