Malattia e lavoro, controlli Inps sul 5% dei certificati medici: scopri quali

Quanti certificati medici per malattia lavoro riceve Inail e come vengono selezionati quelli da controllare tramite visita fiscale? Le parole di Tito Boeri su costi e procedure.

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Quanti certificati medici per malattia lavoro riceve Inail e come vengono selezionati quelli da controllare tramite visita fiscale? Le parole di Tito Boeri su costi e procedure.

Si parla spesso di assenteismo a proposito di malattia e lavoro: ma quali sono veramente i numeri del fenomeno? Quanti certificati riceve l’Inps e come seleziona quelli da controllare inviando la visita fiscale? La parola a Tito Boeri.
In audizione al Senato il Presidente Inps ha esposto i numeri: “l’Inps riceve ogni anno circa 12 milioni di certificati di lavoratori privati assicurati per la malattia e 6 milioni di certificati di dipendenti pubblici nel cosiddetto Polo Unico. A fronte di 18 milioni di certificati e, quindi, di malattie potenziali destinatarie di controlli medico fiscali, l’attuale capacità produttiva dell’Istituto, si attesta intorno al milione di visite di controllo all’anno, ossia il 5%. Da qui la necessità di scegliere con cura dove, quando e come eseguire le visite”.

E’ evidente che controllare tutti i certificati medici per malattia sarebbe impossibile ed eccessivamente esoso. Anche perché, spiega ancora Boeri le
le risorse che ne derivano in seguito alla comunicazione di assenza per malattia sono ingenti: “l’Inps spende ogni anno circa 2 miliardi di euro per indennità di malattia per i dipendenti privati che sono a carico delle imprese invece nei primi 3 giorni di assenza, mentre le giornate di assenza dei pubblici dipendenti valgono circa 2,8 miliardi su base annua quando vengono calcolati in termini di retribuzione corrisposta al lavoratore in caso di malattia”.

Programmazione intelligente delle visite fiscali viola la privacy

In questo senso Boeri auspica che venga ripreso il dibattito sulla programmazione mirata delle visite interrotto dopo le polemiche del garante della privacy. Lo scopo del progetto era quello di focalizzare le visite fiscali sulle situazioni ritenute maggiormente a rischio di abuso. Come vengono selezionati i certificati medici da controllare? Ad oggi l’Inps può contare su “circa 400 medici di ruolo, che dovrebbero esaminare manualmente 30 mila certificati pro capite, cui andrebbero aggiunti i 15 mila pro capite dei lavoratori pubblici del Polo Unico. Il fondamento della selezione su riscontri obiettivi e procedure informatiche è importante anche per garantire una uniformità di trattamenti su tutto il territorio nazionale e scoraggiare potenziali comportamenti collusivi che ci potrebbero essere a livello locale tra medici fiscali e lavoratori assenti per malattia”.

Leggi anche:

Malattia e visita fiscale: come sapere se il medico Inps arriverà?

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Normativa del lavoro, Malattia Inail