Mail truffa che ruba dati bancari: allerta per le finte raccomandate dall’Agenzia Entrate

Attenzione alla truffa della finta raccomandata digitale: si rischia grosso cliccando sul link all'interno dell'email.

di , pubblicato il
Attenzione alla truffa della finta raccomandata digitale: si rischia grosso cliccando sul link all'interno dell'email.

Ancora una truffa di malintenzionati con lo scopo di rubare dati sensibili e credenziali bancarie. A dare l’allarme è stata l’Agenzia delle entrate-Riscossione. Ma di che cosa si tratta stavolta? Scopriamolo. 

Attenzione alla nuova mail truffa

Il nuovo raggiro via web, che ancora una volta punta a truffare i cittadini tramite email phishing, si compie con una finta raccomandata digitale che arriva via posta elettronica e ha il solo scopo di rubare dati d’accesso anche di conti bancari.

Il sistema, più o meno, è sempre lo stesso, arriva una finta raccomandata digitale che invita a cliccare su un link per accedere a un documento e inserire dei codici. Ovviamente è tutto finto e cliccando sul link incriminato si rischia seriamente di vedersi rubati i dati personali e bancari.

Come difendersi

Come riporta La Repubblica, che ha parlato della truffa in oggetto, “Si tratta di un tentativo di phishing finalizzato al furto di dati personali e delle credenziali bancarie“. Il raggiro è anche ben fatto visto che già dall’oggetto, che riporta la dicitura “Agenzia delle entrate-Riscossione”, il cliente pensa si tratti veramente di documenti importanti e anche cliccando sul link compare poi il logo istituzionale di Agenzia delle entrate-Riscossione. La truffa, insomma, appare credibile ma la realtà è molto diversa. 

Agenzia delle Entrate, infatti, segnala  di essere “completamente estranea all’invio di tali comunicazioni e raccomanda di non cliccare sui collegamenti presenti e, soprattutto, di non fornire i propri documenti e dati personali nella pagina web indicata nella email, eliminandola in via definitiva dalla propria casella di posta elettronica. “

Il consiglio, come sempre in questi casi, è di evitare l’apertura di queste email e soprattutto di cliccare sul link per evitare di vedersi rubare dati sensibili e ancor peggio gli accessi al conto in banca.

Leggi anche: Attenti alla truffa del gratta e vinci: 3mila euro per finte vacanze da sogno alle Canarie

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,

I commenti sono chiusi.