Nella lotteria scontrini anche i corrispettivi da trasmettere al sistema TS

Chi acquisterà ad esempio i medicinali in farmacia dovrà indicare al farmacista se acquisire il codice fiscale o il codice lotteria

di , pubblicato il
Chi acquisterà ad esempio i medicinali in farmacia dovrà indicare al farmacista se acquisire il codice fiscale o il codice lotteria

Con un provvedimento ad hoc, firmato dal direttore dell’Agenzia Ernesto Maria Ruffini, sono ammessi a partecipare alla lotteria degli scontrini anche quelli aventi ad oggetto corrispettivi da trasmettere al sistema tessera sanitaria (c.d. sistema TS).

Il nuovo concorso con estrazioni a premi (settimanali, mensili ed annuali) dovrebbe partire il 1° gennaio 2021. Questo, termine, tuttavia, potrebbe subire eventuale proroga a causa della seconda ondata di Covid-19 che sta interessando l’Italia e che sta portando con se nuove ed ulteriori misure restrittive alle attività economiche del Paese. D’altronde, il Governo, ha anche prorogato lo stato di emergenza al 31 gennaio 2021.

Chi può partecipare alla lotteria scontrini: età e residenza

Potranno partecipare alla lotteria scontrini i soggetti “maggiorenni” e “residenti in Italia”. Lo scontrino per essere ammesso alle estrazioni deve avere ad oggetto acquisti di valore non inferiore ad 1 euro e per prendervi parte occorre esibire al venditori il c.d. codice lotteria abbinato al proprio codice fiscale.

Sono, tuttavia, individuati specifici casi di esclusione e tra questi rientravano gli scontrini riferiti a corrispettivi che vanno inviati al sistema tessera sanitaria (quindi scontrini degli acquisti fatti in farmacia, ecc.) ai fini della predisposizione della dichiarazione dei redditi precompilata dei cittadini italiani.

Scontrini da trasmettere al sistema tessera sanitaria: codice fiscale o codice lotteria?

Ora con il Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate dell’11 novembre 2020 si è intervenuti proprio su questa esclusione, ammettendo alla lotteria anche questa tipologia di scontrini a condizione che

“il cliente consumatore finale richiede all’esercente l’acquisizione del codice lotteria in alternativa al codice fiscale”.

Dunque, ad esempio, il farmacista al momento in cui il cittadino acquisterà il farmaco dovrà richiedere se questi vuole che venga acquisito il codice fiscale (ai fini della detrazione fiscale della spesa in dichiarazione dei redditi) oppure il codice lotteria (ai fini della partecipazione alla lotteria).

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,