'Libri in comodato d’uso, chi può fruire del bonus previsto nel decreto scuola -

Libri in comodato d’uso, chi può fruire del bonus previsto nel decreto scuola

Stanziati i fondi per il bonus libri 2013, la possibilità per studenti di scuole statali di avere in comodato d'uso libri scolastici. Ecco cosa sapere

di , pubblicato il
Stanziati i fondi per il bonus libri 2013, la possibilità per studenti di scuole statali di avere in comodato d'uso libri scolastici. Ecco cosa sapere

Via libera al bonus libri scolastici, la possibilità di avere in comodato d’uso libri scolastici per i propri figli in caso di difficoltà economiche della famiglia. Il ministro dell’istruzione, Maria Chiara Carrozza ha firmato il decreto che destina 8 miliardi di euro tra il 2013 e 2014 al comodato d’uso dei libri scolastici. Vediamo in cosa consiste e chi può beneficiarne.

Libri comodato uso 2013

L’anno scolastico è iniziato e si ripete puntale il rito dell’acquisto dei libri scolastici. Quest’anno, complice la crisi, diventa sempre più oneroso per la famiglie acquistare tutti i libri per i propri figli. Proprio per venire incontro a queste difficoltà, il ministro dell’istruzione ha adottato un decreto ad hoc sulla possibilità di effettuare il comodato d’uso sui libri scolastici, solo per scuole statali.

Comodato uso libri cartacei ed e book: le risorse

Concedere libri di testo cartacei ed elettronici in comodato d’uso, per gli studenti delle sole scuole statali che saranno individuati dagli istituti come meritevoli di sostegno. 8 miliardi le risorse stanziate di cui 2,7 milioni di euro, per quei territori dove le famiglie vivono situazione di maggiore disagio economico, soprattutto al Sud  e in queste ai ragazzi meritevoli delle scuole secondarie statali di primo e secondo grado. E’ questo in sintesi il bonus libri 2013, previsto  dal recente decreto scuola.

Libri in comodato uso: chi può beneficiarne

 Sono direttamente gli istituti scolastici che daranno in comodato d’uso i testi cartacei  o i dispositivi elettronici, agli studenti che ne faranno richiesta che hanno precisi requisiti economici che dovrà stabilire l’istituto scolastico con apposito regolamento. Tali studenti per poter beneficiare di questo buono libri 2013, non devono risultare beneficiari di altri contributi per la fornitura gratuita, totale o parziale, dei libri.

A parità di condizioni economiche, il comodato d’uso dei libri scolastici sarà concesso agli studenti più meritevoli in base ai voti finali dell’anno scolastico precedente. Viene data priorità poi, ai ragazzi iscritti nelle classi dove i tetti di spesa sono più elevati: le prime delle scuole secondarie di primo grado e le prime e terze delle secondarie di secondo. Saranno le scuole, in piena autonomia, a decidere come ripartire la somma ricevuta tra l’acquisto di libri e l’acquisto di dispositivi elettronici.

Rinvio regolamenti scolastici

Le singole scuole dovranno stabilire con appositi regolamento non solo i requisiti economici per fare richiesta di utilizzo in comodato d’uso dei libri scolastici, ma anche i termini per l’utilizzo annuale dei libri cartacei ed e book e la restituzione di libri e dei dispositivi concessi in comodato. 

Argomenti: