Legge di Stabilità 2016: quale effetto sulle tasche dei cittadini?

Quale sarà l'impatto dei provvedimenti della Legge di Stabilità 2016 sulle tasche degli italiani?

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Quale sarà l'impatto dei provvedimenti della Legge di Stabilità 2016 sulle tasche degli italiani?

Nei giorni scorsi si è parlato diffusamente degli interventi contenuti nella Legge di Stabilità 2016 cercando di analizzare cosa cambierà il prossimo anno.   Si è parlato del canone Rai in bolletta, dello sgravio assunzioni, della proroga agli ecobonus, del cambiamento degli 80 euro in busta paga e della riforma pensioni, ma in realtà tutti questi provvedimenti che effetto avranno sulle tasche degli italiani?   Sicuramente l’abolizione della Tasi e dell’Imu sulla prima abitazione porterà un notevole risparmio ma tale risparmio come è quantificabile? Repubblica ha pubblicato i calcoli effettuati dalla CGIA di Mestre, delle infografiche che illustrano l’impatto al netto sulle diverse tipologie di famiglie dei diversi interventi proposti dal governo.   Per le famiglie di medio reddito, con una casa di proprietà il risparmio è quantificabile in 20/30 euro al mese mentre il beneficio sale a 100/200 euro al mese per i titolari di Partita Iva e per i liberi professionisti.   Per tutti il risparmio portato dal canone Rai in bolletta è di 13,50 euro annui, 1,12 euro mensili a cui si aggiunge il risparmio derivante dall’abolizione della Tasi sulla prima casa che varia in base alla rendita catastale dell’immobile, dai 166 ai 278 euro l’anno. Mensilmente tale risparmio è quantificabile per un massimo di 23 euro a famiglia.   Per i pensionati a tale risparmio si aggiunge quello che deriva dall’innalzamento della no tax area, che porterebbe un beneficio annuo di 38 euro, mensile di 3,16 euro. per i pensionati, quindi, il risparmio annuo è attestato in 217 euro, che porterebbe in totale un beneficio mensile di 18 euro circa.   Per i lavoratori del pubblico impiego è da tenere presente anche il rinnovo contrattuale che porterebbe un beneficio annuale di 84 euro, pari a 7 euro mensili. In questo caso il risparmio annuale totale si attesta in 327 euro annui, pari a 28 euro al mese.   Per i possessori di partita Iva in regime dei minimi ai risparmi derivanti dall’abolizione della Tasi e del canone Rai in bolletta si aggiungono i contributi previdenziale che porterebbero un beneficio annuo di 1287 euro (mensile di 107 euro) e un risparmio sull’Irap pari a 98 euro annui e 8,16 euro mensili. Il beneficio annuo totale, in questo caso si quantifica in 1400 euro circa, pari a 116 euro mensili.   Discorso ancora diverso per i liberi professionisti con reddito lordo di 140mila euro l’anno: per i possessori di ville e case di lusso il risparmio che deriva dall’abolizione Tasi è di 2800 euro l’anno, pari a 234 euro al mese. Aggiungendo tale beneficio al canone Rai in bolletta il risparmio netto mensile di tale categoria è di 235 euro al mese.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tasse e Tributi

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.