Legge di Bilancio 2021, Plastic e Sugar Tax rinviate e con nuove sanzioni

Nuove modifiche alle imposte della plastica e dello zucchero. Ecco cosa prevede la Legge di Bilancio 2021.

di , pubblicato il
Nuove modifiche alle imposte della plastica e dello zucchero. Ecco cosa prevede la Legge di Bilancio 2021.

Ancora rinvii per le tasse della plastica e dello zucchero. La Legge di Bilancio 2021 apporta anche delle modifiche in merito alle sanzioni da applicare in caso di mancato o ritardato pagamento delle stesse, o di tardiva presentazione delle dichiarazioni con gli elementi necessari alla determinazione del tributo. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Nuovo rinvio per Plastic e Sugar Tax

La legge di bilancio 2021, come già detto in apertura, dispone delle significative modifiche alle imposte sulla plastica e zucchero, a partire dalla loro entrata in vigore.

In particolare, Le nuove date di decorrenza sono le seguenti:

  • 1° luglio 2021 per la plastic tax;
  • 1° gennaio 2022 per la sugar tax.

La norma originaria prevedeva la loro applicazione, rispettivamente, da luglio e da ottobre 2020. In un secondo momento, il decreto “Rilancio” aveva posticipato al 1° gennaio 2021 l’operatività di entrambi i tributi.

Le proroghe, compresa quella prevista dalla Legge di Bilancio 2021, sono state decise a seguito del calo della domanda causata dall’emergenza sanitaria del Coronavirus e delle relative politiche di contenimento adottate dai vari Paesi.

Sanzioni più leggere

Oltre alla proroga di cui abbiamo già parlato, il ddl di Bilancio 2021 ha anche attenuato le potenziali sanzioni amministrative da applicare in caso di mancato o ritardato pagamento delle stesse, o di tardiva presentazione delle dichiarazioni con gli elementi necessari alla determinazione del tributo.

In particolare, ai sensi del comma 650, articolo 1, ddl di Bilancio 2021:

  • per il mancato pagamento dell’imposta, si applica la sanzione amministrativa dal doppio al quintuplo dell’imposta evasa, non inferiore comunque a euro 250;
  • in caso di ritardato pagamento dell’imposta, si applica la sanzione amministrativa pari al 25 per cento dell’imposta dovuta, non inferiore comunque a euro 150.
  • Infine, per la tardiva presentazione della dichiarazione e per ogni altra violazione, si applica la sanzione amministrativa da euro 250 a euro 2.500.

Articoli correlati

Argomenti: ,