Legge di bilancio 2021: nuova Sabatini in unica soluzione

Indipendentemente dall'importo del finanziamento, il contributo in conto impianti sarà erogato in un'unica soluzione.

di , pubblicato il
Indipendentemente dall'importo del finanziamento, il contributo in conto impianti sarà erogato in un'unica soluzione.

L’Agevolazione Nuova Sabatini sarà erogata in un’unica soluzione. Indipendentemente dall’importo del finanziamento richiesto.

 

Questa importante novità è contenuta nella Legge di bilancio 2021.

 

Ad oggi, l’erogazione del contributo sugli interessi avviene in unica soluzione solo in caso di finanziamento di importo non superiore a 200.000 euro.

 

La legge di bilancio 2021 inoltre rifinanzia le risorse di 370 milioni di euro per l’anno 2021. Tali risorse si aggiungono a quelli ulteriori previste dal D.L. Agosto.

La Nuova Sabatini: le recenti modifiche alla disciplina

La nuova Sabatini è disciplinata dall’art.2 del D.L. 69/2013.

 

L’Agevolazione ha l’obiettivo di sostenere le imprese nell’acquisizione di beni strumentali necessari allo svolgimento della propria attività, si pensi  ai macchinari alle attrezzature o agli impianti.

 

L’agevolazione è così articolata:

 

  • finanziamento agevolato per investimenti in nuovi macchinari, impianti e attrezzature, compresi i cd. investimenti in beni strumentali “Industria 4.0”: big data, cloud computing ecc nonché
  • un correlato contributo statale in conto impianti rapportato agli interessi calcolati sui predetti finanziamenti.

 

Il contributo statale è parametro ad un tasso di interesse pari al 2,75%. Per gli investimenti “industria 4.0” il tasso considerato è pari al 3,575%.

 

Detto ciò, la  Legge di bilancio 2020 (Legge 160/2019, comma 226):

 

  • ha innalzato il tasso di riferimento al 5,50% (maggiorazione del 100% rispetto all’aliquota ordinaria),
  • per gli investimenti  4.0 innovativi realizzati dalle micro e piccole imprese nelle Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia).

 

Qualche mese prima, il D.L. 34/2020, decreto Crescita, ha incrementato il finanziamento max agevolabile da due a quattro milioni.

 

Lo stesso decreto ha inoltre previsto l’erogazione del contributo statale in un’unica soluzione laddove il finanziamento deliberato non è superiore a 100.000 €.

L’intervento del D.L. semplificazioni

Successivamente, sullo stesso aspetto, il D.L. 76/2020, decreto Semplificazioni ha portato a 200.000 euro la soglia di finanziamento entro il quale il contributo sugli interessi è erogato in un’unica soluzione, anziché in più quote.

 

Ancora i contributi riconosciuti con la maggiorazione del 100% in favore delle imprese del Mezzogiorno, sono erogati in unica soluzione,

 

Inoltre, Il decreto semplificazioni,  prevede un cofinanziamento della misura con risorse rivenienti da fondi strutturali e di investimento europei.

 

Anche per agevolare, applicando il tasso del 5.50%, investimenti diversi da quelli “industria 4.0 (innovativi).

 

Il meccanismo ordinario, per finanziamenti superiori a 200.00 euro,  prevede che il contributo sugli interessi sia riconosciuto in 6 quote:

 

  • 10% il primo anno,
  • 20% dal secondo al quinto anno e
  • 10% il sesto anno.

Nuova Sabatini: le novità della Legge di bilancio 2021

La Legge di bilancio 2021 interviene proprio sul meccanismo di erogazione delle quote del contributo.

 

In particolare, è disposto che il contributo statale venga erogato in un’unica soluzione, secondo modalità da determinare in sede attuativa con decreto ministeriale.

 

Come visto sopra, ad oggi, la corresponsione in un’unica soluzione del contributo è prevista solo in caso di finanziamento di importo non superiore a 200.000 euro.

 

Come da dossier ufficiale della Legge di bilancio 2021,

considerando le domande trasmesse negli anni 2019-2020, la relazione evidenzia che le operazioni con finanziamenti di importo non superiore a euro 200.000,00 rappresentano oltre il 73% rispetto al totale delle operazioni “Nuova Sabatini” e il contributo corrispondente a tali finanziamenti, ad oggi, rappresenta circa il 36% del totale. Pertanto, l’erogazione in un’unica soluzione delle agevolazioni, già oggi, riguarda la larga parte dell’operatività della misura agevolativa ed è pienamente rodata sul piano operativo-gestionale.

Infine, la Legge di bilancio 2021 stanzia nuove risorse, 370 milioni di euro per l’anno 2021.

 

Da ultimo, il D.L. 104/2020, decreto Agosto, aveva messo a disposizione della misura ulteriori 64 milioni.

 

La Legge di bilancio 2021 modifica dunque la disciplina della Nuova Sabatini.

Argomenti: ,