Legge 104 e turni di lavoro: si può chiedere di lavorare solo al mattino?

Si può scegliere l'orario di lavoro se si beneficia della legge 104?

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
permessi-legge-104

Buona sera Signora Patrizia,
lavoro in reparto (infermiere) e sono possessore della legge 104 in quanto mia mamma ha l’ Alzheimer. Purtroppo adesso anche il mio papà si è ammalato e siccome l’assistente a casa dei miei viene solo la mattina io vorrei chiedere l’esenzione dei turni pomeridiani con conseguente spostamento in ambulatorio. Potrei avere il diritto di essere spostato in ambulatorio per fare solo mattina? Mi può far sapere? 
Distinti Saluti.

Per i familiari che assistono persone con grave handicap, la legge 104 permette delle agevolazioni sul lavoro, ma per quanto riguarda i turni di lavoro, il lavoratore che abbia a proprio carico un soggetto disabile ai sensi della legge n. 104/92 (art. 53, Decreto Legislativo n. 151/2001, che riprende il testo dell’art. 5, commi 1 e 2, lettere a) e b), della legge 9 dicembre 1977 n. 903) non è tenuto a prestare lavoro notturno dalle ore 24:00 alle ore 6:00.

Vi è inoltre, ove possibile, la facoltà di scegliere la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio e la facoltà di non essere trasferito presso altre sedi senza il proprio consenso oltre al diritto di godere dei 3 giorni di permesso mensili retribuiti.

La normativa, però, non stabilisce la possibilità di scegliere l’orario di lavoro o il turno di mattina o di pomeriggio in base alle proprie esigenze nella cura del familiare da assistere, ma ha la possibilità di trasformare il proprio contratto di lavoro, ove necessario, da full time in part time.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, Quesiti benefici Legge 104, Welfare e previdenza, Legge 104