Legge 104 e assistenza invalidi 100%: come ottenere la qualifica di caregiver e il diritto a lavorare da casa

Legge 104 e permessi: se il disabile è invalido al 100% sono previste agevolazioni extra. Dal diritto di lavorare da casa ella qualifica di caregiver.

di , pubblicato il
Permessi legge 104 e lavoro notturno

Le novità sulla Legge 104 non si esauriscono al bonus per chi assiste parenti over 80anni ma prevedono un’attenzione particolare ai casi più gravi, ovvero quella di invalidità al 100%. Per chi deve richiedere i permessi 104 per un parente con il massimo grado di invalidità, sono previste la possibilità di essere riconosciuto ufficialmente come caregiver e il diritto a chiedere di poter lavorare da casa.

Leggi le Nuove regole sui permessi 104 già approvate

Assistenza domiciliare invalido 100%: i vantaggi della qualifica ufficiale

Oltre ai permessi ex Legge 104, il lavoratore potrebbe, dunque, secondo quanto previsto dal ddl Bignami, ottenere la qualifica ufficiale di caregiver che garantisce ulteriori privilegi a chi si prende cura in casa e gratuitamente di un parente invalido al 100% (che necessiti di assistenza continua almeno 54 ore a settimana). Il legame di parentela deve essere entro il secondo grado (o deve trattarsi di minore dato in affidamento) e inoltre è richiesta la convivenza.

Lavoro da casa: un diritto per chi assiste parenti invalidi

E sicuramente uno degli effetti della qualifica di caregiver che ha destato maggiore interesse tra i potenziali beneficiari del ddl Bignami, è il diritto a lavorare da casa. In pratica i caregiver entrano di diritto nelle categorie protette ex Legge 68. Sarebbe onere dell’azienda passare il lavoratore a mansioni che consentano la modalità di svolgimento in telelavoro.

Per approfondimenti su tutte le novità leggi anche la Guida alla Legge 104 e ai permessi.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,