Le offerte di lavoro da settembre 2021 in Italia con oltre 526mila assunzioni

Le offerte di lavoro da settembre 2021 in Italia con oltre 526mila assunzioni, ma si sale addirittura a 1,5 milioni di posti fino a novembre. Ecco tutto quello che c'è da sapere dall'industria al settore dei servizi.

di , pubblicato il
Offerte di lavoro da settembre 2021 in Italia con oltre 526mila assunzioni

Sono tante le offerte di lavoro da settembre 2021 in Italia. Con oltre 526mila assunzioni programmate. Questa, infatti, è la stima fornita da Unioncamere e Anpal in accordo con l’ultimissimo bollettino del sistema informativo Excelsior.

Nel dettaglio, con oltre 526mila assunzioni programmate, le offerte di lavoro da settembre del 2021 sono quelle pianificate per il corrente mese dalle imprese. Con un rialzo del 20,9% rispetto allo scorso anno.

Al riguardo Unioncamere con una nota sottolinea come, nonostante ci siano tensioni sui prezzi dell’energia e delle materie prime, la domanda di lavoro nel nostro Paese sia in accelerazione. Al traino del rimbalzo del PIL italiano.

Le offerte di lavoro da settembre 2021 in Italia. Con oltre 526mila assunzioni

In più, per le offerte di lavoro da settembre 2021 e fino al prossimo mese di novembre, le assunzioni programmate dalle imprese sono stimate in crescita del 23,5% anno su anno. Con ben 1,5 milioni di lavoratori da assumere nei tre mesi. Dei quali 436 mila posizioni nell’industria, ed oltre 1 milione nel settore dei servizi.

Considerando l’industria, con 156mila assunzioni programmate nel corrente mese, e 436mila complessive fino a novembre, l’aumento anno su anno delle entrate è pari, rispettivamente, al 24,8% ed al 29,1%. Il comparto industriale con le maggiori richieste è inoltre quello della meccatronica. Con 31mila lavoratori ricercati nel corrente mese. E 87mila complessive offerte di lavoro da settembre a novembre del 2021.

1,5 milioni di lavoratori da assumere fino a novembre. Ma c’è difficoltà di reperimento

Per le offerte di lavoro da settembre a novembre 2021 tutte le assunzioni programmate, in ogni caso, non saranno perfezionate. In quanto sul 36,4% delle assunzioni programmate le imprese lamentano difficoltà di reperimento. In particolare, le aziende faticano a trovare operai specializzati e dirigenti.

Ma anche lavoratori legati alle professioni tecniche ed alle professioni intellettuali e scientifiche.

Nel dettaglio, spesso le imprese cercano ma non trovano saldatori, fabbri ferrai, montatori carpenteria metallica e costruttori di utensili. Ma anche tecnici specializzati in molti settori. Dalla distribuzione commerciale alle telecomunicazioni. E passando per i tecnici informatici e telematici.

Argomenti: , ,