Le 4 startup italiane premiate ad expo: ecco quali sono

4 Start up innovative italiane premiate a Expo 2015: quando il cibo diventa business.

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
4 Start up innovative italiane premiate a Expo 2015: quando il cibo diventa business.

Tra le 10 best start up del cibo ben 4, tra quelle premiate a Expo 2015 sono italiane ed associano innovazione, tecnologia e cibo per creare nuovi modelli di business. Ai giovani italiani non manca né la creatività né la voglia di mettersi in gioco e a dimostrarlo sono i dati di InfoCamere i quali affermano che nel primo trimestre del 2015 ben 3711 sono le start up iscritte nel Registro delle imprese. Quelli delle start up sono i giovani che hanno deciso di non attendere il posto fisso ma che hanno deciso di rimboccarsi le maniche per crearsi il proprio futuro.   Come nel caso di Stefania Abbona e Pierluigi Santoro che hanno dato vita al progetto The Algae Factory, un social brand di snack a base di alghe e cioccolato. Una parte degli introiti portati dai prodotti venduti viene utilizzato al supporto della Spirulina Farm in Africa che si occupa di combattere la malnutrizione. La spirulina è impiegata nella creazione dei prodotti della start up proprio perché essa è considerata un super food.   Un’altra start up innovativa legata al cibo ha visto coinvolti 4 studenti di ingegneria Lorenzo Di Berardino, Alessandro Chelli, Matteo di Sabatino, Alex Benfaremo, con la passione da barman. I 4 hanno creato la Apio ma nel tempo libero coltivano la loro passione che fa nascere l’idea della Smart Drink Machine, la macchina per preparare i cocktail tramite l’interfaccia e un tablet o uno smartphone. La macchina è completa, personalizzabile e ingombra poco. I cocktail grazie al collegamento con schede tipo Arduino, vengono preparati in un minuto secondo la ricetta dell’Iba.   Zeno Tosoni, Simone Giacomelli, Marco Argentieri, Carlo Sabatucci e Luigi Graziosi hanno creato il gelato che non fa ingrassare, per la gioia di tutti coloro che combattono ogni giorno con calorie e grassi per mantenere la linea. IceDreams, il gelato dei sogni, va a sostituire latte, uova e burro co fibre vegetali ed emulsionanti naturali dando vita a una base granulare che può essere lavorata a freddo facendo, tra l’altro, diminuire anche i tempi di produzione. Il gelato dei sogni si produce in circa un quarto d’ora poiché si evita, tra l’altro, la pastorizzazione. Alla base creata è possibile aggiungere tutti i gusti che si desiderano, dalla frutta alle verdure. Il nuovo prodotto sarà presto commercializzato a Miliano.   Due giovani siciliani, Umberto Musso e Sandro Todaro hanno fondato l’Italfrutta, una società di distribuzione all’ortomercato di Milano. Dopo essersi visti negare i finanziamenti dalle banche i due hanno deciso di partire senza fornitori, senza clienti e senza finanziamenti puntando su una strategia vincente: prodotti di qualità e di nicchia con un alto posizionamento. I due giovani propongono pr

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Startup

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.