Lavoro notturno o pesante: richiesta entro maggio per andare in pensione anticipata l’anno prossimo

Pensione anticipata lavori usuranti: ecco entro quando chiedere accertamento Inps delle mansioni per smettere di lavorare nel 2021.

di , pubblicato il
Pensione anticipata lavori usuranti: ecco entro quando chiedere accertamento Inps delle mansioni per smettere di lavorare nel 2021.

Chi fa un lavoro notturno o pesante e ha i requisiti per la pensione anticipata l’anno prossimo, ha tempo fino al 31 maggio per presentare domanda di accertamento delle mansioni da parte dell’Inps. Vediamo qual è l’iter per procedere.

Lavoro usurante: domanda accertamento requisiti Inps

Le indicazioni per gli interessati sono contenute nel messaggio n. 763 del 2020: il modello da consegnare telematicamente è l’“AP45” e va allegata la documentazione. L’invio tardivo del modulo comporta il differimento della decorrenza della pensione da uno a tre mesi, in misura proporzionale al ritardo. Chi può presentare la domanda?

Sono ammessi anche i lavoratori dipendenti del settore privato che hanno svolto lavori pesanti e che raggiungono il diritto alla pensione di anzianità grazie al cumulo della contribuzione versata in una delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi.
Tra le categorie che possono fare domanda ci sono i lavoratori impegnati in mansioni particolarmente usuranti, gli operai addetti alla cd “linea catena” e i conducenti di veicoli adibiti a trasporto pubblico collettivo, che maturano i requisiti nel 2021. Costoro possono conseguire la pensione se godono di un’anzianità contributiva di almeno 35 anni e, se lavoratori dipendenti, di un’età anagrafica minima di 61 anni e 7 mesi (fatto salvo il perfezionamento di quota 97,6), o, se lavoratori autonomi, di un’età non inferiore a 62 anni e 7 mesi (fermo restando il raggiungimento di quota 98,6).
Per quanto concerne la categoria dei lavoratori notturni è opportuno fare una distinzione tra:
  • lavoratori occupati per un numero di giorni lavorativi pari o superiori a 78 all’anno;
  • lavoratori occupati per un numero di giorni lavorativi da 64 a 71 all’anno.

Pensione usuranti 2021: esito della valutazione Inps

In merito alla domanda di accesso al beneficio, l’INPS può comunicare al lavoratore che presenta istanza:
a) l’accoglimento della domanda, con specifica della prima decorrenza utile della pensione;
b) l’accertamento del possesso dei requisiti con differimento della decorrenza del trattamento pensionistico per insufficienza della copertura economica (la prima data utile per l’uscita sarà specificata con successiva comunicazione);
c) il rigetto della domanda per mancanza dei requisiti.
Per ulteriori approfondimenti sulle pensioni anticipate per lavori usuranti clicca qui.
Argomenti: , ,