Lavoro a Londra: cosa è cambiato a due mesi dalla Brexit?

Lavoro a Londra: ecco quali sono stati i primi effetti della Brexit. Le preoccupazioni sono state confermate?

di , pubblicato il
Lavoro a Londra: ecco quali sono stati i primi effetti della Brexit. Le preoccupazioni sono state confermate?

Sono passati due mesi dal voto del referendum sulla Brexit in Inghilterra. Molte le preoccupazioni degli italiani emigrati, e non solo. Ma i primi dati sembrano smentire lo scenario pre-annunciato.

Lavoro a Londra: disoccupazione in calo nonostante la Brexit?

Nonostante il risultato del referendum sulla Brexit, in Inghilterra nell’ultimo trimestre la disoccupazione ha continuato a scendere. Nel trimestre aprile-giugno le persone senza lavoro sono state 1,64 milioni, il minimo storico degli ultimi otto anni.

A ben vedere il tasso di disoccupazione è rimasto invariato al 4,9%, mentre il tasso di occupazione (74,5%) ha toccato il suo apice.

Positivo anche l’incremento del 2,4% delle retribuzioni medie in giugno, in seguito all’entrata in vigore di un nuovo salario minimo più alto.

In questa prima fase quindi non si è verificato il temuto rallentamento occupazionale pronosticato da alcuni economisti. Vero è che tra il momento del referendum e quello dell’effettiva uscita dell’Inghilterra dall’Ue sotto tutti gli aspetti passeranno due anni quindi sicuramente due mesi sono pochi. E’ innegabile però che quella britannica fino ad oggi ha dimostrato di essere un’economia solida e stabile, come ha sottolineato commentando i dati detto Howard Archer, economista di IHS Global Insight. Resta l’esigenza di tenere sotto controllo il mercato nei prossimi mesi.

Joshua Mahony, analista di IG a Londra è quindi abbastanza positivo anche sul futuro, almeno quello a breve termine: “i dati potrebbero dissipare la convinzione della Banca d’Inghilterra di dover intervenire di nuovo nei prossimi mesi. Forse l’ulteriore taglio dei tassi accennato da Mark Carney diventerà realtà più tardi del previsto”.

Sugli effetti della Brexit, per il lavoro e non solo, leggi anche:

Ecco come Londra ha reagito alla Brexit

Brexit: cosa cambierà per chi studia o lavora a Londra

Londra nuovo paradiso fiscale dopo la Brexit?

Viaggi a Londra dopo la Brexit: servirà il passaporto?

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,