Lavoro IT, assunzioni donne: ecco le figure più ricercate nel digitale rosa

Lavoro IT: quali possibilità per le donne. Assunzioni e stipendio.

Condividi su
Seguici su
Alessandra De Angelis

donne-tech

Qualcosa si muove anche per le donne nel mondo del lavoro IT anche se molto c’è ancora da fare. Il nostro Paese è agli ultimi posti per la percentuale di donne impiegate nel settore digitale (il 31,7% contro il 68,9% di uomini). Anche guardando alle nuove generazioni la strada appare a dire il vero in salita: solamente il 5% delle ragazze quindicenni italiane ha preso in considerazione la possibilità di intraprendere professioni carriere o scientifiche (dati Ocse, Istat ed Eurostat) mentre la stragrande maggioranza resta ancora attratta di più da percorsi umanistici per seguire poi sbocchi professionali che la società considera più “idonei per le donne”.

Eppure, qualche dato positivo in questo senso c’è, come evidenziato da una recente ricerca di LinkedIn: la percentuale di donne assunte in ruoli chiave nel settore tecnologico è passata dal 16% al 18,9%. E le assunzioni di donne sono salite soprattutto per tre profili professionali user experience designer (designer delle interfacce Web, +67%), chief technology officer (Cto, capo delle funzioni tecnologiche, in crescita del 60%) e web developer (sviluppatrici web, più 40% dei contratti rosa).

Merito di una scoperta delle donne del mondo IT ma anche delle iniziative di alcune aziende che si sono mosse per facilitare l’assunzione di lavoratrici per ampliare l’organico in rosa: dalle politiche di pari opportunità sviluppate dal 52,8% delle aziende a campione alle strutture più adeguate offerte dal 27,8% delle imprese passando per una maggiore flessibilità e smart working nel 25% dei casi. Dato positivo, degno di nota, anche il superamento delle stereotipo per cui la maternità sia un ostacolo al lavoro: il rapporto di The Boston Consulting Group e Valore D «Women at the Top» realizzato sulla base di 2.500 interviste ha confermato che il 30% delle donne che ricopre ruoli manageriali ha avuto il primo figlio prima dei 30 anni, contro il 22% della media delle donne.

Leggi anche: come cambia lo stipendio dopo il parto

Ecco, secondo la Ca Technologies, le otto professioni del mondo digitale e dell’innovazione che, in un futuro, potrebbero garantire le migliori opportunità di lavoro per le donne: responsabili protezione dei dati, digital information officer, esperte di cybersecurity, analista di big data, sviluppatrici di app, analista di dati, esperte di Internet of Things.

Leggi anche:

Sette lavori in cui le donne sono pagate meglio degli uomini

Lavoro uomini e donne: ci sono ancora differenze che pesano in busta paga?

Seguici su Facebook

Condividi su
Seguici su

Commenta la notizia

SULLO STESSO TEMA