'Lavoro estate 2017: stagionali a rischio con l’abolizione dei voucher? -

Lavoro estate 2017: stagionali a rischio con l’abolizione dei voucher?

Lavoro estate 2017: come pagare gli stagionali dopo l'abolizione dei voucher Inps? Settore turismo in crisi chiede soluzione d'emergenza

di , pubblicato il
Lavoro estate 2017: come pagare gli stagionali dopo l'abolizione dei voucher Inps? Settore turismo in crisi chiede soluzione d'emergenza

L’ombra dell’abolizione dei voucher si abbatte sul lavoro in estate nel 2017: in che modo pagare i lavoratori stagionali? E’ soprattutto il settore turismo a chiedere soluzioni di emergenza per poter assumere a chiamata bagnini, baristi etc.

Tra commercianti e albergatori si respira malcontento. E’ innegabile che lo strumento dei voucher Inps si prestasse ad alcuni abusi e non potesse servire da solo a contrastare la piaga del lavoro in nero ma al tempo stesso erano un mezzo unico, e ad oggi insostituibile si teme, per poter chiamare lavoratori stagionali in regola anche per singole giornate di lavoro e senza perdere troppo tempo nella burocrazia per l’assunzione.

Le possibilità di evitare l’abolizione dei voucher tout court e drastica erano diverse sulla carta: dall’intensificazione dei controlli fino alla previsione di metodi per incrementare i controlli e renderli veramente tracciabili (e del resto si stava già andando in questo senso con le ultime modifiche). Per questo motivo gli operatori turistici non nascondono il disappunto verso il governo, non solo per la decisione di abolire i voucher, ma anche e soprattutto per la rapidità con cui questo cambiamento è stato imposto. Alessandro Nucara, direttore generale di Federalberghi ha detto la sua: “abbiamo detto, e lo ribadiamo, che sarebbe stato meglio andare a referendum. Si è deciso altrimenti, per ragioni che evidentemente non avevano a che fare né con le esigenze delle imprese né dei lavoratori”.

Perplessità anche dal mondo dell’agricoltura, altro settore in cui i voucher trovavano ampio utilizzo e che in estate abbisogna di manodopera stagionale.

In entrambi i settori in cui il lavoro stagionale è cruciale, peraltro i numeri sembrano smentire le accuse di abuso dei voucher Inps: la percentuale di utilizzo dei buoni lavoro nel turismo infatti è dell’1,2% e anche per il lavoro nei campi si attestava intorno all’1% (2,2 milioni di buoni venduti rispetto ad una platea di oltre 50 mila lavoratori).

Argomenti: , ,