Lavoro: aumentano tutte le assunzioni nel privato, in aumento anche le cessazioni

Lavoro: aumentano tutte le assunzioni nel privato, in aumento anche le cessazioni rispetto al rapporto del 2017, incremento per il tempo indeterminato.

di , pubblicato il
Rapporti di lavoro

Lavoro: sono stati pubblicati i dati dell’Osservatorio sul precariato, che vede le assunzioni in crescita rispetto al 2017.

Nel periodo di gennaio – dicembre 2018, nel settore privato, le assunzioni sono state 7.424.293, con un aumento del 5,1% rispetto allo stesso periodo del 2017.

La crescita riguarda:

  • contratti a tempo indeterminato +7,9%;
  • contratti a tempo determinato +4,5%;
  • contratti di apprendistato +12,1%;
  • contratti stagionali +6,4%;
  • contratti intermittenti +7,9%.
  • contratti in somministrazione risultano pressoché stabili: +0,45.

Lavoro e dinamica dei flussi

In forte aumento le trasformazioni contrattuali da tempo determinato a tempo indeterminato (+76,2%), mentre risultano in diminuzione i rapporti di apprendistato confermati alla conclusione del periodo formativo (-13,1%).

In aumento anche le cessazioni di lavoro, sono state 6.993.047, il (+6%) rispetto all’anno precedente. Crescono anche le cessazioni di tutte le tipologie di rapporti a termine, soprattutto i contratti intermittenti e in apprendistato, mentre sono diminuite quelle di rapporti a tempo indeterminato (-3,1%).

Nel 2018, nel settore privato, si registra un saldo, tra assunzioni e cessazioni, pari a +431.246, di poco inferiore a quello del corrispondente periodo del 2017.

Lavoro occasionale

La consistenza dei lavoratori impiegati con Contratto di Prestazione Occasionale (CPO) a dicembre 2018 si attesta alle 20.676 unità, con un importo mensile lordo medio di 289 euro.

Per quanto riguarda, invece, i lavoratori pagati con i titoli del Libretto Famiglia (LF), a dicembre 2018 sono stati 7.973, con un importo mensile lordo medio di 247 euro.

L’Inps comunica che dalla prossima settimana sarà possibile accedere alla versione navigabile aggiornata dell’Osservatorio, che arricchisce le informazioni presenti nel report cartaceo.

Fonte: Inps

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,