Lavoratori precoci, quando è possibile andare in pensione e con quali requisiti | La Redazione risponde

I lavoratori precoci che svolgono determinate mansioni, quando possono andare in pensione anticipata e quali requisiti bisogna possedere? | La Redazione risponde.

di , pubblicato il
Lavoratori precoci e lavoro usurante

Buongiorno, ho trovato il suo indirizzo email su un sito che parla di pensioni e Lei risponde a una domanda quindi mi sono permesso di scriverle.

Vorrei chiederle un’informazione per quanto riguarda la mia posizione per la pensione, sono un precoce ho iniziato a 15 anni a lavorare, a ottobre ho 39 anni di contributi e dal maggio 1989 faccio i turni a ciclo continuo con più di 64 notti l’anno.

Attualmente guido un mezzo pesante (pala movimento terra) da quasi quattro anni, dopo avere sentito e letto tante cose, non ho ancora capito a che età posso andare in pensione visto che pur di raggiungere questo obiettivo mi smazzo 180 Km al giorno e dico la verità sarei anche stanco.

La ringrazio cordialmente per l’attenzione e aspetto con fiducia una sua risposta grazie.

Distinti saluti Giuseppe

Pensione anticipata lavoratori precoci

Possono accedere alla pensione anticipata i lavoratori che hanno un’anzianità contributiva di almeno un anno corrispondente a 12 mesi o 52 settimane, prima del compimento del 19° anno di età. Inoltre, i lavoratori devono maturare un’anzianità contributiva di 41 anni e trovarsi nelle seguenti categorie di tutela:

  • Dipendenti che hanno perso il lavoro involontariamente, e che da tre mesi non percepiscono la NASPI;
  • Lavoratori dipendenti e anche lavoratori autonomi, che da circa 6 mesi assistono il familiare con handicap grave ai sensi della legge 104 art. 3 comma 3 (Caregiver)
  • Lavoratori con una disabilità accertata superiore o uguale al 74%;
  • Dipendenti che svolgono un lavoro usurante
  • Dipendenti che svolgono un lavoro gravoso

Presentazione domanda

La domanda può essere presentata dal 1° marzo di ciascun anno. Alcuni requisiti possono essere valutati in via prospettica, e sono:

  • 41 anni di contributi;
  • i 3 mesi di inoccupazione successivi al percepimento della Naspi;
  • per i lavoratori usuranti almeno 7 anni negli ultimi 10 anni di lavoro prestato, oppure metà della via lavorativa nella mansione usurante;
  • per i lavoratori che svolgono una mansione gravosa, i 6 anni di lavoro prestato in via continuativa.

Conclusioni

Per poter andare in pensione anticipata come lavoratore precoce, come sopra esposto, i requisiti richiesti sono 41 anni di contributi, con almeno 12 mesi di lavoro effettivo, entro il compimento del diciannovesimo anno di età.

Inoltre, il lavoro che svolge deve essere valutato come lavoro gravoso.

Le consiglio di rivolgersi ad un patronato e far controllare il suo estratto contributivo, controllare se ci sono i requisiti, questo servizio è gratuito.

Se rientra con i requisiti sopra esposti, potrà farsi calcolare la sua pensione e decidere di effettuare la domanda di pensionamento anticipato, già dal prossimo anno, sempre che i requisiti vengono maturati entro la fine dell’anno in corso al momento della presentazione della domanda, entro un anno dal raggiungimento dei requisiti.

Il controllo del suo estratto conto contributivo lo può fare anche lei stesso con le credenziali INPS.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,