Lavoratori autonomi: saldo della fattura entro 60 giorni

Nuove tutele per i lavoratori autonomi: vediamo cosa prevede il job act dei professionisti.

di , pubblicato il
Nuove tutele per i lavoratori autonomi: vediamo cosa prevede il job act dei professionisti.

Con il Job Act 2.0, finalizzato ai lavoratori autonomi, si arriva ad un grande traguardo per i professionisti: mai più fatture pagate dopo molti mesi dall’emissione, anche se lo prevede il contratto. Si hanno 60 giorni per provvedere al saldo delle fatture, in questo modo i lavoratori autonomi potranno ottenere il saldo del proprio operato in tempi relativamente brevi.

Il problema principale dei lavoratori autonomi, infatti, è rappresentato dal rischio che i clienti non onorino le prestazioni ricevute, rischio amplificato dal pagamento che avviene a una distanza di numerosi giorni dall’emissione della fattura.

In questi casi il lavoratore autonomo deve avviare una procedura estenuante per recuperare i crediti. Proprio per questo motivo il nuovo Job Act degli autonomi prevede la nullità delle clausole contrattuali che stabiliscono il pagamento a saldo delle fatture oltre i 60 giorni dalla data di emissione della fattura stessa. In caso di pagamento in ritardo al lavoratore autonomo spetteranno gli interessi moratori nella misura stabilita dal contratto (se il contratto non li prevede saranno applicati gli interessi legali di mora pari al tasso legale di riferimento più l’8%).

Qual è il limite di questa nuova normativa? Non può essere applicato a tutti i contratti dei lavoratori autonomi ma soltanto a quelli stupulati con imprese o con pubbliche amministrazioni. Per i contratti con privati cittadini, quindi, la tutela della legge non può essere applicata.

Leggi anche:Lavoratori autonomi: novità 2017 su Dis-Coll, malattia, congedo parentale e detrazioni

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.