Lavorare all’estero, se a partire sono gli over 40 anni: ecco dove vanno e cosa cercano

Lavorare all'estero, trasferirsi e cambiare vita: si può fare anche dopo i 40 anni. Anzi sono sempre più numerosi gli over 40 a partire: ecco le destinazioni più gettonate e le professioni più richieste

di , pubblicato il
Lavorare all'estero, trasferirsi e cambiare vita: si può fare anche dopo i 40 anni. Anzi sono sempre più numerosi gli over 40 a partire: ecco le destinazioni più gettonate e le professioni più richieste

Lavorare all’estero non è una prerogativa (o una scelta forzata) di giovanissimi o neo laureati, anzi. Secondo le ultime ricerche sul tema sono sempre più numerosi gli over 40 anni che, rimasti senza lavoro, decidono di inviare il cv fuori dall’Italia mettendosi in gioco e pronti a cambiare vita. Ecco come sono cambiati i numeri dell’emigrazione dei non più giovanissimi ma anche come cambiano prospettive e aspettative.

Lavorare all’estero: i numeri della migrazione grigia

Secondo i dati della Cna, il numero di persone tra i 40 e i 50 anni che tra il 2008 e il 2014 è raddoppiato (da 7.700 a 14.300). Numeri che hanno portato la Cna a parlare di una “nuova migrazione dai capelli grigi”. Chi sono gli over 40enni che vanno a lavorare all’estero? La platea è ampia ed eterogenea ed include professionisti ma anche personale non qualificato.

Rispetto ad un trentenne o ad un ventenne le difficoltà nel lasciare l’Italia, gli affetti e rimettersi in gioco imparando un’altra lingua, ambientandosi in un posto nuovo e magari facendo un lavoro senza esperienza, sono intuitivamente più grandi.

E diverse sono anche le mete più gettonate: se i giovani preferiscono Berlino e Londra, tra gli over 40 che emigrano le destinazioni con più appeal sono quelle che offrono un potenziale in crescita esponenziale, come Cina o alcuni Stati del Sud America ma anche gli Emirati Arabi.

Leggi anche:

Aumenta le tue possibilità di trovare lavoro dopo i 40 anni

Quali sono i migliori lavori per gli over 40enni?

Argomenti: ,