Le spese di intermediazione immobiliare sono detraibili una sola volta?

La spesa dell’agenzia immobiliare è detraibile fino all'esaurimento della stessa o in un’unica soluzione? Facciamo chiarezza.

di , pubblicato il
Detrazione spese di intermediazione immobiliare anche per il preliminare

FiscoOggi, la rivista online dell’Agenzia delle entrate, ha appena risposo ad un quesito di un proprio lettore, che chiedeva alcuni chiarimenti in merito alle detrazioni per le spese di intermediazione immobiliare.
In particolare, il contribuente ha chiesto se la spesa dell’agenzia immobiliare è detraibile fino all’esaurimento della stessa. Per esempio, è possibile portare tali spese in detrazione negli otto anni successivi? Cerchiamo anche noi di fare un po’ di chiarezza.

Detrazioni per le spese di intermediazione immobiliare, cos’è e a chi spetta

La detrazione per le spese di intermediazione immobiliare, relative all’acquisto di un’immobile da adibire a prima casa, è pari al 19 per cento, per un importo non superiore a 1.000 euro per ciascuna annualità.
Tale spesa, può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno in cui essa è stata sostenuta.

La detrazione spetta a condizione che l’onere sia stato sostenuto con mezzi di pagamento tracciabili (bonifico bancario o postale ecc.).
Inoltre, la detrazione si applica esclusivamente all’acquirente dell’immobile che sostiene la spesa. In altre parole, la detrazione non spetta se la fattura dell’intermediario immobiliare è intestata ad un altro soggetto; diverso, cioè, dal proprietario dello stesso immobile.

La detrazione spetta una volta sola?

Come abbiamo appena detto, dunque, la detrazione del 19% dei compensi pagati a soggetti di intermediazione immobiliare si applica su un importo non superiore a 1.000 euro e si esaurisce in un unico periodo di imposta.
FiscoOggi, nel fornire tale risposta, ricorda anche che “la detrazione spetta all’acquirente che sostiene la spesa per l’acquisto dell’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale. Inoltre, i compensi per l’intermediazione devono essere indicati nell’atto di cessione dell’immobile e pagati con versamento bancario o postale o altri sistemi di pagamento tracciabili”.

In alcuni casi, inoltri, è possibile portare in detrazione tali spese ancor prima di aver acquistato la casa.

Argomenti: ,