La riforma delle pensioni vale uno sciopero generale, cosa cambierà con la mobilitazione Cgil-Uil

Se la riforma delle pensioni vale uno sciopero generale, cosa cambierà con la mobilitazione Cgil-Uil? La domanda è d'obbligo in quanto tra il Governo italiano ed i Sindacati è arrivato lo strappo. Gli scenari e le attese.

di , pubblicato il
La riforma delle pensioni vale uno sciopero generale, cosa cambierà con la mobilitazione Cgil-Uil

Se la riforma delle pensioni vale uno sciopero generale, cosa cambierà con la mobilitazione Cgil-Uil? La domanda è d’obbligo in quanto tra il Governo italiano ed i Sindacati è arrivato lo strappo. Così come è riportato in questo articolo.

Per la riforma delle pensioni a partire dal 2023, dopo che il prossimo anno sarà sostanzialmente di transizione, sembra davvero filare tutto liscio. Visto che nei giorni scorsi Cgil, Cisl e Uil avevano trovato un accordo. Proprio con il Governo italiano guidato dal presidente del Consiglio Mario Draghi.

La riforma delle pensioni vale uno sciopero generale, cosa cambierà con la mobilitazione Cgil-Uil

Un accordo, per la riforma della pensioni che ora vale uno sciopero generale, che prevedeva l’apertura di un tavolo di confronto che poi si sarebbe concluso nel mese di marzo del 2022. Ed invece, per il prossimo 16 dicembre del 2021, la Cgil e la Uil hanno proclamato lo sciopero generale. Provocando a sua volta uno strappo anche tra i Sindacati. Visto che la Cisl, invece, si è subito smarcata dalla protesta.

Ma detto questo, proprio per la riforma delle pensioni se vale uno sciopero, cosa cambierà con la mobilitazione Cgil-Uil? Chiaramente è ancora presto per dirlo. Ma di sicuro dopo lo sciopero generale ci saranno delle ripercussioni. Con il Governo italiano, cosa che non è da escludere, che potrebbe rinviare al prossimo anno l’apertura del tavolo che è stato concordato proprio con i Sindacati.

Cosa cambierà con la mobilitazione Cgil-Uil, uno sciopero che è anche su fisco e lavoro

La mobilitazione Cgil-Uil, inoltre, non è solo legata alla riforma delle pensioni che ora vale uno sciopero. Ma sostanzialmente alla manovra finanziaria 2022 nella sua interezza. Il fisco, con la riduzione delle tasse ai lavoratori ed ai pensionati, ed il lavoro sono infatti gli altri due temi sui quali poggia la protesta di Cgil e Uil.

Mentre la Cisl, come sopra accennato, ha preferito smarcarsi non ritenendo opportuno in questo momento non alimentare ulteriormente lo scontro.

Argomenti: , , , , , , , , , , ,