La domanda del bonus 110 è all-in: o tutto o niente

Se devi fare domanda per il bonus 110 meglio farlo con cognizione di causa: o dentro o fuori

di , pubblicato il
bonus 110 requisiti

O dentro o fuori: chi fa domanda per il bonus 110 senza averne i requisiti perde tutto. Se fosse un bonus di una partita di poker diremmo: all in, dentro o fuori ma occhio a bluffare!

Supponiamo che la domanda di accesso al super bonus per la massima detrazione venga respinta dall’Agenzia delle Entrate per mancanza dei requisiti: ci si chiede se questo comporti la conversione automatica in una detrazione che, invece spetterebbe, in primi ristrutturazione o riqualificazione energetica.

Andando ad interpretare le disposizioni di legge però dobbiamo smentire questa possibilità.

Domanda per il bonus 110 rifiutata per mancanza di requisiti

L’articolo 36–ter del Dpr 600/1973 attribuisce all’Agenzia delle Entrate il potere di controllare la regolarità dei documenti e dei requisiti propedeutici al riconoscimento delle detrazioni fiscali. Non ha invece il titolo per convertire la detrazione rifiutata in un’altra per cui si avrebbero i requisiti. Le detrazioni nella dichiarazioni dei redditi devono essere infatti sempre categoricamente riconducibili alla volontà del contribuente.

Nell’ipotesi di cui sopra, ad esempio, costui potrebbe scegliere di impugnare il recupero dell’imposta tentando la mediazione o, se questa dovesse fallire, ricorrendo al tribunale tributario.

 

Questa interpretazione ci porta ad avvertire gli utenti sull’importanza di avere il quadro chiaro. A dire il vero la normativa per il bonus 110 non sempre è chiara e lineare. Molte sono le situazioni borderline in cui da soli non è facile capire se si ha diritto al super bonus oppure no. Ecco perché molti si rivolgono a cooperative che si occupano dall’acquisto del credito dalla ditta edile ma, al contempo, forniscono anche assistenza sulla pratica del 110. Altrettanto fanno alcune banche, che hanno aggiunto la consulenza al pacchetto di cessione del credito grazie ad accordi con società specializzate.

Sconsigliata, invece, la strada del bluff: provare a chiedere la detrazione 110 pur non essendo sicuri di soddisfare i requisiti. Il rifiuto della pratica da parte dell’Agenzia delle Entrate, infatti, non comporta in automatico la trasformazione in un’altra detrazione dalla percentuale più bassa.

Leggi anche:

Il bonus 110 ha regole troppo difficili: molti italiani rinunciano

Argomenti: