Iva ridotta al 10% su capsule e cialde: ecco per chi e a quali condizioni

Iva ridotta al 10% per bevande in cialde e capsule: facciamo chiarezza

di , pubblicato il
Iva ridotta al 10% per bevande in cialde e capsule: facciamo chiarezza

Con risoluzione 103/E del 17 novembre 2016 l’Agenzia delle Entrate ha chiarito le condizioni per l’applicazione dell’aliquota ridotta al 10% per la somministrazione di alimenti o bevande, anche mediante distributori automatici.

La risoluzione è giunta in risposta ad una richiesta di consulenza giuridica sul corretto trattamento per la somministrazione a soggetti privati o titolari di partita IVA consumatori finali di capsule e cialde.

La tassazione è ridotta anche per i rifornimenti che vengono fatti dal datore di lavoro per offrire un servizio ai dipendenti.

Va da sé che se si applica lo sconto IVA quest’ultima non sarà detraibile. La risoluzione chiarisce da ultimo anche che, affinché si possa applicare l’IVA ridotta al 10%, è necessario che il contratto di comodato o noleggio del distributore e le relative fatture per la fornitura di capsule e cialde siano intestati alla stessa persona.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,