Iva locazioni, on line il modello per comunicare l’opzione

Imponibilità Iva sulle locazioni di immobili già in corso da attuare con apposito modello pubblicato dalle Entrate con il provvedimento del 29 luglio scorso

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Imponibilità Iva sulle locazioni di immobili già in corso da attuare con apposito modello pubblicato dalle Entrate con il provvedimento del 29 luglio scorso

Imponibilità Iva locazioni immobiliari da scegliere con apposito modello on line predisposto dall’Agenzia delle entrate con apposito provvedimento del 29 luglio scorso.

Iva locazioni immobiliari: le novità 

Prima il decreto liberalizzazione e poi il decreto sviluppo hanno previsto in tema di Iva, la possibilità per i contratti di locazione degli alloggi sociali e quelli dei fabbricati a uso abitativo effettuati dalle imprese costruttrici o di ripristino, già in corso alle date di entrata in vigore dei due provvedimenti, di scegliere il regime Iva ordinario rispetto alla classica esenzione ( si rinvia al nostro articolo Iva locazioni immobili, tutte le novità in vigore dal 2013). In particolare l’articolo 57, comma 1, lettera a) del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, e l’articolo 9 del decreto legge 22 giugno 2012, n. 83, hanno modificato il regime IVA rispettivamente per i contratti di locazione destinati ad alloggi sociali e per le locazioni di fabbricati abitativi effettuati da imprese costruttrici o di ripristino. Tali tipologie contrattuali, in linea di principio esenti da IVA, sono assoggettabili ad imposta a condizione che il locatore manifesti tale scelta nel contratto di locazione. Inoltre, l’opzione è vincolante per tutta la durata del contratto.

Iva locazione immobili: come esercitare l’opzione per l’imponibilità ordinaria

È possibile optare, relativamente alle tipologie contrattuali previste dalla norma, anche per i contratti in corso di esecuzione alla data di entrata in vigore dei sopra citati decreti legge. L’opzione, formalizzata mediante un atto integrativo del contratto, deve essere portata a conoscenza dell’Amministrazione Finanziaria mediante la registrazione dell’atto integrativo (corrispondendo l’imposta di registro di euro 67,00) o utilizzando il modello che viene ora approvato con il provvedimento del  29 luglio 2013 delle Entrate. Il modello è inoltre utilizzato per comunicare la suddetta opzione qualora, prima della scadenza del contratto di locazione, si verifichi il subentro di un terzo, in qualità di locatore.

Il modello in questione è composto da:

– quadro A “Estremi del contratto”, nel quale sono contenuti i dati utili alla individuazione del contratto registrato (Codice ufficio, Anno, Serie, Numero, Sottonumero e ID telematico);- quadro B “Dati del locatore”, in cui vanno indicati i dati del locatore che intende esercitare l’opzione per l’imponibilità ad IVA del contratto di locazione.

[fumettoforumright]

La presentazione del modello deve essere effettuata in via telematica, direttamente o per il tramite degli intermediari abilitati alla trasmissione dei contratti di locazione.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Normativa e Prassi, Tasse e Tributi, Registrazione contratto locazione