Isee reddito di cittadinanza: cosa fare se il Caf sbaglia a calcolarlo?

Fuori dai Caf chi ha presentato i moduli per fare domanda del reddito di cittadinanza è pieno di dubbi. In attesa di conoscere gli esiti del controllo Inps, ecco la situazione che abbiamo fotografato.

di , pubblicato il
equitalia

L’ansia di chi sta facendo domanda per il reddito di cittadinanza non è solamente quella di rientrare nei requisiti di reddito richiesti. La grande maggioranza dei richiedenti si è rivolta al Caf piuttosto che alle Poste o al sito proprio per avere una garanzia di una prima verifica dei requisiti Isee (e quindi, statisticamente, maggiori possibilità di vedersi accettata la domanda per il sussidio). Ma cosa fare se proprio il Caf sbaglia il calcolo? Fuori dai centri di assistenza fiscale questo timore serpeggia. Ce lo testimoniano molte persone che escono perplesse e preoccupate in attesa di conoscere l’esito della loro domanda. Chi è riuscito a depositare i moduli teme che non venga accettata dall’Inps per qualche cavillo sfuggito al Caf; al contrario chi è stato scartato a questa prima preselezione resta con il dubbio che l’assistente al Caf non abbia analizzato a dovere il suo caso. In questo clima di incertezza e cambiamenti che ha caratterizzato il debutto del reddito di cittadinanza chi può assicurare che non vi siano errori? Chi ne risponde?

Siamo andati fuori da alcuni Caf a raccogliere le testimonianze.

C’è chi ha consegnato il modulo entro il 6 aprile per rientrare nella prima mandata di pagamenti del reddito di cittadinanza e ora attende, non senza ansia, l’esito della verifica Inps. C’è chi racconta di aver rischiato di perdere il diritto per una svista del Caf: in alcuni casi gli operatori avrebbero sbagliato i beni da considerare ai fini Isee o addirittura la soglia massima da non superare. Ricordiamo che l’assistenza fiscale presso i Caf per le domande di reddito di cittadinanza è gratuita per i contribuenti grazie all’intesa con il governo che finanzia questo servizio. Tuttavia qualcuno racconta di aver pagato una decina di euro a titolo di “donazione” e di essere quindi perplesso sull’affidabilità del centro. Il dubbio quindi è se sia possibile, in questi casi, rivolgersi ad un altro Caf per un secondo parere. C’è anche chi, per qualche intoppo, non è riuscito a consegnare il modulo entro il 6 ed è ancora in attesa di sapere dal Caf se può fare domanda oppure no.
Un caso emblematico è quello del disoccupato che nel 2017 ha fatto qualche lavoro saltuario. Parliamo di due anni fa eppure questo potrebbe rappresentare un limite se si applica la normativa alla lettera! Bisogna infatti tenere presente che  l’Isee 2019 si calcola con i Cud del 2018 (che sono relativi ai redditi del 2017). Chi due anni fa lavorava anche se in maniera non stabile rischia quindi di non poter fare oggi domanda per il reddito di cittadinanza?

Come si vede quindi dubbi e timori sono molti. E pensare che quella tramite i Caf dovrebbe essere per certi versi la via più agevole per chiedere e ottenere il reddito di cittadinanza. Figuriamoci lo stato d’ansia di coloro, “temerari”, che hanno scelto di fare domanda presso gli uffici postali o sul sito Inps di persona e che ora brancolano nel buio in attesa di conoscere il parere Inps.

E fin qui si tratta “solo” di ricevere il sussidio economico; la fase due, ovvero quella che prevede l’attuazione del piano lavoro, dovrebbe essere ancora più complicata soprattutto considerando che non è stato ancora pubblicato il bando per l’assunzione dei navigator.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,