Isee 2016: prestazioni disabili fanno reddito?

Isee 2016: quando entreranno in vigore le nuove regole sulle prestazioni a favore dei disabili?

di , pubblicato il
Isee 2016: quando entreranno in vigore le nuove regole sulle prestazioni a favore dei disabili?

In adeguamento alla recente sentenza del Consiglio di Stato il Governo ha confermato l’esclusione dall’Isee 2016 delle prestazioni percepite dai disabili sia a titolo assistenziale e previdenziale che come indennizzo. In altre parole le prestazioni disabili sono state escluse dall’Isee e, quindi, dal 2016, non fanno reddito. Sono incluse quindi in primo luogo l’assegno mensile di invalidità, la pensione di invalidità civile e l’indennità di accompagnamento ma anche le carte di debito percepite da amministrazioni pubbliche in ragione della condizione di disabilità. Continuano a rilevare ai fini Isee invece tutti i trattamenti percepiti per ragioni diverse dalla condizione di disabilità.

Isee disabili: modulo per la rettifica

Le modifiche inoltre prevedono l’applicazione della maggiorazione dello 0,5 al parametro nella scala di equivalenza per ogni componente con disabilità media, grave o non autosufficiente e il conseguente superamento del sistema delle franchigie e delle detrazioni per i disabili recate dall’articolo 4, comma 4 lettere b), c) e d) del Dpcm 159/2013.

Prestazioni disabili: quando entrano in vigore le nuove regole Isee?

Le nuove regole entreranno effettivamente in vigore solamente dopo l’approvazione definitiva della legge di conversione del decreto legge 42/2016.  Gli enti competenti per l’erogazione delle prestazioni sociali agevolate dovranno emanare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione gli atti (anche normativi) propedeutici all’erogazione delle nuove prestazioni secondo le disposizioni del decreto in analisi e nel rispetto degli equilibri di bilancio prefissati.

Argomenti: , ,