Iscrizione e variazione Azienda, nuove regole INPS

Iscrizione e variazione Azienda, l'Inps con la circolare 56/2017, detta nuove regole per le codifiche non censite dall'ISTAT.

di , pubblicato il
modello 730/4

Iscrizione e variazione Azienda, l’Inps con la circolare n. 56/2017 ha reso disponibile la nuova procedura.
Già la circolare 80/2014 conteneva la procedura automatizzata di inquadramento dei datori di lavoro, inoltre aveva allineato la propria codifica attività a quella stabilita dall’ISTAT con la codifica ATECO 2007.
La circolare pubblicata sul sito dell’Inps, il 9 marzo n. 56/2017, contiene la procedura di iscrizione e variazione azienda, e fornisce chiarimenti sulla codifica attività non censite dall’ISTAT, con riferimento al concetto di unità produttiva, e la classificazione delle attività di pasticceria e gelaterie. L’ente ha messo a disposizione il manuale aggiornato a gennaio 2017, di classificazione dei datori di lavoro.

Iscrizione e variazione Azienda: modifica dei Codici attività

L’Inps nella circolare 56/2017 modifica la codifica delle attività non censite dall’ISTAT.
Nel manuale pubblicato nel 2014 contiene alcune attività che non sono censite dall’ISTAT in maniera specifica, ma necessitano comunque di essere codificate. Queste attività erano state identificate con i codici Ateco 2007 fittizi:

  • 99.99.97   “Parlamentari – assunzione diretta di assistenti;
  • 99.99.98   “Cantieri di lavoro – allievi”;
  • 99.99.99   “Condomini e proprietari di fabbricato (portiere e addetto alle pulizie)”.

L’Inps ridefinisce i codici sopra menzionati con effetto retroattivo, nel seguente modo:

  • le attività di cui al codice ATECO 99.99.97 sono riportate nell’ambito del codice ATECO 84.11.10 “Attività degli organi legislativi ed esecutivi, centrali e locali; amministrazione finanziaria”; amministrazioni regionali, provinciali e comunali”;
  • le attività di cui al codice ATECO 99.99.98 sono riportate nell’ambito del codice ATECO 85.59.20 “Corsi di formazione e di aggiornamento professionale”;
  • le attività di cui al codice ATECO 99.99.99 sono riportate nell’ambito del codice ATECO 97.00.00 “Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro per personale domestico”.

Questo significa che, a decorrere dalla data di pubblicazione della circolare n.

56/2017 dell’Inps, nelle domande di iscrizione dei datori di lavoro con queste specifiche attività, dovranno essere utilizzate esclusivamente le seguenti codifiche:

  • 84.11.10 “Parlamentari – assunzione diretta di assistenti;
  • 85.59.20 “Cantieri di lavoro – allievi”;
  • 97.00.00 “Condomini e proprietari di fabbricato (portiere e addetto alle pulizie)”.

Inoltre, nella circolare viene evidenziato che non saranno più accettate le codifiche 99.99.97; 99.99.98 e 99.99.99.

Partita Iva: finalmente la Flat tax per le PMI dal 2017

Iscrizione e variazione aziende: gelaterie e pasticcerie

In riferimento alle attività di gelaterie e pasticcerie, la circolare fa una distinzione specifica dell’attività, ed esattamente:
bisogna distinguere la produzione industriale o artigianale dei prodotti dalla gelateria o pasticceria intesa come luogo aperto al pubblico nel quale si vende e si consuma il prodotto (cfr. le disposizioni in materia di attività dei pubblici esercizi contenute nella legge 25/8/1991 n. 287).
Nel caso di produzione industriale, il codice Ateco 2007 è:

  • 10.52.00 per la produzione di gelati;
  • 10.71.20 per la produzione di pasticceria.

Nel secondo caso, si tratta di gelaterie e pasticcerie facenti parte delle attività di somministrazione al pubblico di cibi e bevande, l’inquadramento previsto è con il c.s.c. 70504 e il codice Ateco 2007 è 56.10.30 (o 56.10.41 per le gelaterie e pasticcerie ambulanti).

Inoltre, se il bene venduto è prodotto direttamente dal titolare dell’attività, questo tipo di attività rientra in quelle artigiane e l’inquadramento dovrà avvenire con i seguenti codici:

  • nel settore artigianato con il c.s.c. 40407 (per la produzione di gelati) o con il c.s.c. 40405 (per la produzione di pasticceria) se il prodotto artigianale viene posto in vendita in modo esclusivo o assolutamente prevalente e non anche altre bevande e che il prodotto venga venduto solo per asporto o per essere consumato sul posto, ma senza posti a sedere che presuppongano un servizio al tavolo.
  • in caso contrario, l’attività dovrà intendersi nell’ambito di pubblici esercizio, con il c.s.c. 70504.

Fonte: Circolare INPS 56/2017

Aprire una partita IVA: quanto costa?

Argomenti: , ,