ISA 2020, saranno apportati dei correttivi anti-Covid

Per i periodi di imposta in corso al 31 dicembre 2020 e 2021, al fine di tenere conto degli effetti del Coronavirus, vengono introdotte una serie di elasticità all’applicazione degli Indici Sintetici di Affidabilità (ISA).

di , pubblicato il
Per i periodi di imposta in corso al 31 dicembre 2020 e 2021, al fine di tenere conto degli effetti del Coronavirus, vengono introdotte una serie di elasticità all’applicazione degli Indici Sintetici di Affidabilità (ISA).

Modifiche ISA in vista. Lo scopo è quello di evitare che i contribuenti applichino in massa la clausola di esclusione ISA per eventi eccezionali.

A tal proposito, i tecnici del fisco sono alle prese per mettere a punto dei nuovi software di calcolo, che consentano di prevedere l’impatto della pandemia.

Cosa sono gli ISA

Gli Indici Sintetici di Affidabilità (ISA) sono uno strumento di compliance finalizzato a stimolare l’assolvimento degli obblighi tributari e a rafforzare la collaborazione tra i contribuenti e la Pubblica Amministrazione.

Gli ISA, come descritto dall’Agenzia delle Entrate: “rappresentano la sintesi di indicatori elementari volti a verificare la normalità e la coerenza della gestione aziendale o professionale, anche con riferimento a diverse basi imponibili”.

Il contribuente, tramite l’applicazione degli ISA, può verificare, in fase dichiarativa, il proprio grado di affidabilità fiscale in base al posizionamento su una scala di valori da 1 a 10.

In data 31 gennaio 2020 son stati pubblicati i nuovi modelli Isa con le relative istruzioni di compilazione.

Punteggio di affidabilità basso per cause di forza maggiore

Ai sensi di legge, il contribuente, soprattutto nel caso in cui l’applicazione degli ISA determini un basso punteggio di affidabilità, ha sempre la possibilità di evidenziare nel campo “note aggiuntive” del software di applicazione “Il tuo ISA”, particolari circostanze specifiche riferibili alle condizioni di svolgimento della propria attività che, seppur non annoverate tra quelle che per legge o per decreto determinano una causa di esclusione, potrebbero non essere adeguatamente colte con l’applicazione degli indici.

L’operazione è prevista dall’articolo 148 del decreto rilancio: “Modifiche alla disciplina degli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA)”. Sostanzialmente: per i periodi di imposta in corso al 31 dicembre 2020 e 2021, al fine di tenere conto degli effetti di natura straordinaria della

crisi economica e dei mercati conseguente all’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del COVID-19, nonché di prevedere ulteriori ipotesi di esclusione dell’applicabilità degli indici sintetici di affidabilità, vengono introdotte una serie di elasticità all’applicazione degli stessi indici.

Guide e articoli correlati

Società tra professionisti: cosa succede se viene meno la pluralità di soci

Da società a ditta individuale: in chiaro il calcolo del contributo a fondo perduto

Argomenti: ,