Irap: obblighi per gli studi associati

Gli studi professionali associati pagano l'Irap? Ecco cosa dice la Cassazione in merito

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Gli studi professionali associati pagano l'Irap? Ecco cosa dice la Cassazione in merito

Gli studi associati pagano l’Irap? Per rispondere a questa domanda partiamo da un presupposto base. L’imposta regionale è sempre dovuta se la produzione, lo scambio o le prestazioni di servizi vengono svolti da soggetti passivi ex articolo 3 della legge 446/1997. Quando invece l’attività è esercitata dalle società e dagli enti, che siano soggetti passivi dell’imposta a norma dell’art. 3 del D.Lgs. n. 446 del 1997, incluse dunque le società semplici e le associazioni senza personalità giuridica costituite tra persone fisiche per l’esercizio in forma associata di arti e professioni essa, costituisce il presupposto d’imposta, dovendosi escludere la necessità di ogni accertamento per la sussistenza dell’autonoma organizzazione.

esenzione Irap professionisti: casi

In questo senso si è espressa di recente anche la Cassazione con sentenza n. 21164 del 19 ottobre 2016. I giudici hanno ribadito che per le società semplici e le associazioni senza personalità giuridica costituite fra persone fisiche per l’esercizio in forma associata di arti e professioni il presupposto Irap esiste senza bisogno di accertamento in merito alla sussistenza dell’autonoma organizzazione.

Leggi anche la guida sulla base imponibile Irap

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tasse e Tributi, Base imponibile Irap, Contabilità azienda